menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Via Persico, angolo Via Nigri

Via Persico, angolo Via Nigri

Meetup FoVea lancia l'allarme dai quartieri settecenteschi: "Quegli edifici sono a rischio"

Oltre al pericolo per l'incolumità pubblica, "tali edifici rappresentano un ricettacolo di rifiuti organici e inorganici, di fauna sgradevole, blatte e guano, tali da mettere a rischio l'igiene e la salubrità dell'area"

Edifici pericolanti e vetusti, intonaci rigonfi e scrostati. Il Meetup FoVea ha passato in rassegna le zone storiche della città raccogliendo in un report - con tanto di servizio fotografico - edifici e palazzine che potrebbero costituire un “rischio per l'incolumità delle persone”, a causa della “probabile instabilità nel territorio urbano”.

La segnalazione è stata redatta dal Meetup e controfirmata dall’organizer del gruppo, l’architetto Pierluigi Maria Bovi, e inviata al sindaco e all’assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Foggia e, rispettivamente, al Comando della polizia municipale e dei vigili del fuoco. In particolare, nella lettera, si denuncia lo stato di fatiscenza degli stabili siti in via Persico n°27 (angolo Via Nigri) e in Via Garofalo n°59 (angolo Via Normanno), che risultano deficitari di idonea copertura.

“Tale mancanza ha esposto le strutture portanti a dilavamento da acque meteoriche, causando il deterioramento e la perdita di coerenza della malta di collegamento delle murature, con conseguenti rigonfiamenti e diminuzione della resistenza alle azioni statiche dei soli carichi permanenti”. Ancora, si legge nel report, “la vetustà dello stabile, le variazioni termiche ed idrometriche e gli agenti atmosferici hanno innestato processi di degrado la cui rapidità è direttamente correlata al grado di esposizione delle strutture interessate”.

IMMOBILE FATISCENTE E PERICOLOSO, SINDACO ORDINA LO SGOMBERO

Entrando più nello specifico, “gli orizzontamenti appaiono notevolmente più logori in corrispondenza dei paramenti verticali e pertanto si presume fortemente ridotto il contributo alla cerchiatura delle murature. Tali analisi fanno presupporre un imminente crollo improvviso della copertura e di parte degli orizzontamenti stessi”. Attualmente risulta transennato il solo stabile sito in Via Persico e manca qualsiasi tipo di segnaletica recante la pericolosità di permanenza ed il rischio crollo nelle vicinanze dei suddetti edifici.

“Nella zona dei quartieri settecenteschi sono presenti altri edifici vetusti ed in condizioni di totale abbandono già in precedenti circostanze segnalati all’amministrazione; tali edifici, insistendo in zone particolarmente centrali e densamente abitate, rappresentano un ricettacolo di rifiuti organici e inorganici, oltre che di fauna sgradevole, blatte e guano, tali da generare condizioni di rischio per l'igiene e la salubrità dell'area”.

Pertanto, il Meetup FoVea chiede che vengano messi in sicurezza gli stabili situati nei quartieri settecenteschi di Foggia, e che la messa in sicurezza si realizzi in modo tale da eliminare, i rischi fisici per i cittadini, in particolar modo di coloro che risiedono nei pressi degli edifici indicati. In ultimo, è richiesto che si intimi al titolare del diritto di proprietà degli immobili, la rimozione delle condizioni di pericolo ed a procedere mediante un intervento d’urgenza, considerata l'effettiva esistenza di pericolo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento