menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Dal videoclip

Dal videoclip

Controlli dopo videoclip 'Eazy Padrino': recuperati due bossoli di pistola a salve, una denuncia

Uno degli uomini ritratti nel filmato è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per ricettazione, essendo stato trovato in possesso di diverse targhe per veicoli di nazionalità tedesca, delle quali una é risultata sicuramente contraffatta

Dalle prime ore di questa mattina, carabinieri e polizia sono stati impegnati in una vasta operazione con numerose perquisizioni, posti di controllo e verifiche ad attività commerciali nel territorio del Comune di Mattinata. Le attività di perquisizione si sono estese anche nei confronti di soggetti ritratti nel videoclip della canzone Eazy Padrino, postata su alcuni siti internet dal rapper italo-tedesco Razoe Prala, figlio di un emigrato mattinatese.

VIDEO | Rapper shock e colpi di pistola nel videoclip sulla mafia girato a Mattinata

Nel video infatti, che ha suscitato grande eco mediatica e le cui riprese sono state effettuate nel Comune garganico, già noto alle cronache per lo scioglimento dell’ente comunale per condizionamento mafioso, avvenuto lo scorso 16 marzo 2018, viene più volte ripetuta la parola “mafia” e vengono esplosi due colpi di arma da fuoco

Gli accertamenti esperiti hanno consentito di acclarare l’utilizzo di una pistola a salve e di rinvenire e recuperare anche i bossoli esplosi, sempre a salve, all’interno di una proprietà privata utilizzata come location per le riprese. 

All’esito delle attività, uno degli uomini ritratti nel filmato è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per ricettazione, essendo stato trovato in possesso di diverse targhe per veicoli di nazionalità tedesca, delle quali una é risultata sicuramente contraffatta e sulle altre sono in corso accertamenti tecnici.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Puglia in bilico tra il giallo e l'arancione

Attualità

"L'antimafia non si fa così". A Foggia compleanno amaro della legge 109. "Senza visibilità per i beni confiscati, lo Stato ha vinto ma nessuno lo sa"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento