La donna che difende il Papa: è Maria Rosaria Maiorino, ex questore di Foggia

Cattolica fervente, Maria Rosaria Maiorino ha la responsabilità degli uomini che controllano l'accesso al Vaticano e si occupano della sicurezza del pontefice fuori dai confini vaticani, attività che si svolge in tandem, con la Gendarmeria Vaticana

Ha preceduto l’attuale questore Piernicola Silvis alla guida della questura di Foggia. Maria Rosaria Maiorino - 59 anni, trentacinque dei quali passati indossando la divisa della Polizia di Stato - oggi è la prima donna che difende un papa, nello specifico storico papa Bergoglio.

Ai primati è abituata: è stata - racconta in una intervista a Oggi - la prima donna in una squadra mobile e la prima a dirigere la mobile di Cagliari (dove ha prestato servizio dal 1980 al 2010); ancora è stata la prima donna vicequestore vicario a Belluno e Bolzano e ora è la prima donna a dirigere dell'Ispettorato di pubblica sicurezza del Vaticano, dove è giunta passando direttamente dalle questure di Foggia e Palermo. Davanti a questa sfilza di ‘primogeniture’ storce un po’ il naso e ai giornalisti del settimanale spiega: “Gli incarichi non devono avere sesso. Essere maschio o femmina non fa differenza. Però, noi donne, in genere, abbiamo più capacità organizzativa, più determinazione e grande disponibilità al sacrificio".

Cattolica fervente, Maria Rosaria Maiorino ha oggi la responsabilità degli uomini che controllano l'accesso al Vaticano e si occupano della sicurezza del pontefice quando esce dai confini vaticani, attività che si svolge in tandem, con la Gendarmeria Vaticana. Rivela ad Oggi: "Proteggere il Papa è anche un motivo di orgoglio personale, oltre che professionale". L’affabilità di papa Francesco e la sua propensione al contatto - reale, continuo, concreto - con la gente non le rende però la vita facile. Nè il compito semplice. I programmi di papa Francesco cambiano continuamente pur di essere vicino alla gente. “L'ho capito subito: il Santo Padre vuole esercitare il suo ministero così. Quindi sta a noi rimodulare continuamente i servizi di sicurezza", spiega. Una grande prova, grande sfida.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Coronavirus, altri 13 morti in Puglia: i nuovi contagi sono 772

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento