rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca San Severo

Dove mancano i Tribunali, nascono i 'Presidi civili antimafia': l'iniziativa popolare della Capitanata che ha sete di legalità

Per avviare il percorso, appuntamento domenica 2 febbraio, al Teatro Verdi di San Severo. L'iniziativa fa seguito alla mobilitazione dei 20mila in piazza per dire 'no' alla mafia, al fianco di Libera e di don Luigi Ciotti

La Capitanata, ovvero il più vasto territorio italiano con i più scarsi presidi anti-mafia, si mobilita, d'intesa con le istituzioni, per costruire una rete di presidi civili antimafia e un'azione comune, con associazioni, sindaci, movimenti, partiti, sindacati, iniziative popolari.

Per avviare questo percorso, sindaci, amministratori ed esponenti della società civile del Foggiano si incontreranno domenica 2 febbraio, alle ore 11,00, a San Severo, nel teatro Verdi. L'iniziativa fa seguito alla mobilitazione che ha visto manifestare 20mila persone a Foggia, per ascoltare i parenti delle vittime di mafia e don Luigi Ciotti. 

Avvieranno il confronto, cui potrà intervenire chiunque voglia, il sindaco di San Severo, Francesco Miglio, il presidente del movimento per l'Equità Territoriale, Pino Aprile, il creatore del primo laboratorio universitario di Pedagogia della Resistenza antimafia, professor Giancarlo Costabile, dell'università della Calabria e l'ideatore dello Sportello Anticamorra di Scampia e dell'Officina delle Culture, Gelsomina Verde, Ciro Corona, che ha trasformato il più grande centro di spaccio di droga all'aperto d'Italia, in un propulsore di rinascita sociale e il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, che aderisce all'iniziativa, potrebbe riuscire a portare personalmente il suo sostegno ai convenuti a San Severo.

VIDEO | 10mila passi contro la mafia, Foggia Libera respinge così violenze e paura: "La sfiducia non prevalga sulla speranza" 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dove mancano i Tribunali, nascono i 'Presidi civili antimafia': l'iniziativa popolare della Capitanata che ha sete di legalità

FoggiaToday è in caricamento