Alla vista dei militari tenta di disfarsi della droga, ma i carabinieri lo fermano

Un 23enne di Manfredonia è stato arrestato dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile. Era a bordo dell'auto di un amico quando alla vista dei militari ha gettato via due involucri di 10 g, prontamente recuperati. In casa aveva altra droga, un coltello e denaro in contanti

Prosegue incessante l’azione straordinaria di controllo del territorio e di contrasto alla criminalità diffusa da parte dei Carabinieri della Compagnia di Manfredonia, attraverso mirate perquisizioni, sequestri di droga ed arresti vari. Nel corso della notte, in particolare, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno tratto in arresto in flagranza di reato, per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio circa 260 grammi di marijuana, un 23enne manfredoniano, senza occupazione e privo di precedenti di polizia, che, viaggiando quale passeggero a bordo dell’autovettura condotta da un amico 19enne, anch’egli di Manfredonia; notando la presenza dei Carabinieri in via Tribuna e compreso che fosse loro intenzione fermarli, tentava di disfarsi di due involucri contenenti entrambi marijuana, per complessivi gr. 10 circa, recuperati immediatamente dai militari, ai quali non era sfuggita la repentina mossa del giovane, nonostante il buio.

Una volta raggiunti, i due giovani venivano entrambi controllati e perquisiti dai militari operanti, anche presso le rispettive abitazioni. In particolare, all’interno di uno zaino posto nel balcone della cameretta del 23enne veniva rinvenuta una busta contenente ben 250 grammi circa di ulteriore sostanza stupefacente del tipo marijuana, che veniva così sequestrata assieme ad un coltello che presentava tracce di sostanza stupefacente e la somma in contanti di 75 € in banconote di piccolo taglio, trovata in suo possesso e ritenuta essere il provento dell’illecito traffico da lui tenuto. Il 23enne veniva quindi tratto in arresto e temporaneamente sottoposto, su disposizione del Pubblico Ministero di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia, alla misura degli arresti domiciliari presso la casa dei propri genitori, dove il giovane appunto vive, dichiaratisi comunque entrambi inconsapevoli delle azioni criminali del figlio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • E' morto Dario Montagano: l'imprenditore sanseverese trovato senza vita in giardino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento