Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca Lesina

Marina di Lesina, 30mila presenze in estate senza una postazione fissa del 118: "Se ti senti male rischi di non farcela"

Il 16 agosto un soccorritore del 118 è deceduto per un malore. Nello stesso momento, a poche centinaia di metri, un sessantenne rimasto gravemente ferito dai colpi dell'elica del gommone, veniva trasportato in elisoccorso a Casa Sollievo della Sofferenza. "Serve una postazione fissa del 118"

Dopo il decesso del soccorritore del 118 in servizio a Volturara Appula strappato alla vita da un malore a Marina di Lesina lunedì scorso e il presunto ritardo dei soccorsi lamentato dai residenti del posto che hanno assistito al decesso dell’uomo e che hanno tentato il tutto per tutto per scongiurare il tragico epilogo, i villeggianti provano a riprendersi dallo choc subito e discutono sulla necessità, non più rimandabile, di dotare la località di mare di una postazione fissa del 118 durante i mesi estivi, quando si riversano circa 30mila persone.

Il 16 agosto due gravi episodi avvenuti in contemporanea hanno gettato nel panico i presenti, che nel frattempo sui social si stavano chiedendo cosa ci facesse un elicottero sopra le loro teste e il perché del rumore delle sirene di almeno due ambulanze, di cui una proveniente da Torremaggiore giunta in prossimità dell'abitazione dell'uomo deceduto in viale Marte dopo 40 minuti dalla richiesta di intervento. 

Un tragitto che in condizioni di traffico normali si percorrerebbe in 30 minuti. Era però il lunedì di Ferragosto. Impiegarci meno tempo, assicura chi svolge questo mestiere, sarebbe stato quasi impossibile.

Evidentemente, e aggiungiamo purtroppo, in quel momento i colleghi di Lesina erano impegnati in un altro intervento; il che legittima le lamentele-paure dei residenti e la richiesta di un presidio fisso di pronto intervento in aggiunta alla guardia medica turistica.

Sempre a Marina di Lesina, il 16 agosto, a poche centinaia di metri da viale Marte, si stava consumando un’altra tragedia: un uomo sulla sessantina era stato appena colpito in mare dall’elica di un gommone. Soccorso e trasportato presso la banchina del porto, per via delle gravissime ferite riportate in varie parti del corpo e al volto, si era reso necessario il trasporto in elisoccorso all’ospedale Casa Sollievo della Sofferenza  (leggi qui).

“Marina è una località di Lesina, Asl e Comune devono risolvere il problema. E' assurdo, cosa aspettate?” tuona un turista. “Com’è possibile che una località di mare così affollata, praticamente in estate con gli stessi abitanti di San Giovanni Rotondo, non abbia una postazione fissa del 118?” gli fa eco un residente.

Nel Comune di Lesina senza sindaco da più di un anno e che il 2 e 3 ottobre tornerà alle urne, la questione sicurezza di ‘Marina’ sarà argomento dibattuto in campagna elettorale. O almeno si spera. “Ci auguriamo che il prossimo sindaco, sia esso di destra, centro o sinistra, pretenda una postazione fissa, dal 1 giugno al 15 settembre, come avveniva qualche anno fa” l’appello all’unisono dei vacanzieri.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marina di Lesina, 30mila presenze in estate senza una postazione fissa del 118: "Se ti senti male rischi di non farcela"

FoggiaToday è in caricamento