Shock a Carapelle, botte e soprusi "nell'asilo degli orrori" sui bimbi di 3 e 4 anni: indagate quattro maestre

L'avvocato Michele Sodrio, legale di una delle famiglie coinvolte: "I danni alla salute psichica del bambino sono gravissimi e di questo chiamerò a rispondere anche il ministero dell'Istruzione. Ora si proceda in tempi rapidi al processo"

Immagine di repertorio

Maltrattamenti nell'asilo comunale di Carapelle, quattro maestre indagate dalla procura di Foggia. I fatti sarebbero avvenuti in un periodo piuttosto lungo, dall'ottobre 2018 e fino all'aprile del 2019, in danno di molti bambini, sia italiani che stranieri (in tutto addirittura dodici bambini tra i 3 ed i 4 anni). L'elenco degli episodi di maltrattamenti è davvero lungo e impressionante, fatto di violenze sia fisiche che psicologiche, così come elencati nell'avviso di conclusione delle indagini preliminari.

Le accuse rivolte alle maestr: "Ora prendo la mazza!"

Gli accertamenti sono stati svolti dai carabinieri, che avevano anche piazzato delle telecamere nascoste all'interno delle classi dell'asilo, che dimostrano in maniera inconfutabile i maltrattamenti. "In qualità di difensore dei genitori di uno dei bimbi più maltrattati - spiega l'avvocato Michele Sodrio - i fatti sono di gravità inaudita, anche perchè dimostrano l'esistenza di un vero e proprio abuso sistematico in danno dei bambini, da parte di ben quattro cosiddette maestre".

"Quello si può ben definire l'asilo degli orrori e mi sorprende e mi fa arrabbiare che si sia giunti alla conclusione delle indagini, senza l'adozione di un provvedimento cautelare contro le indagate, dato che gli elementi di prova a loro carico sono schiaccianti. Il piccolo di 3 anni, i cui genitori io rappresento, è stato sottoposto a violenze fisiche e psicologiche terribili, addirittura in più di un'occasione tornò a casa dopo l'asilo con le orecchie sanguinanti. I danni alla salute psichica del bambino sono gravissimi e di questo chiamerò a rispondere anche il ministero dell'Istruzione, quale responsabile civile per i risarcimenti. Ora si proceda in tempi rapidi al processo, che questi poveri bambini e le loro famiglie abbiano giustizia al più presto".

michele sodrio-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento