Cronaca

La grandine mette in ginocchio l'agricoltura foggiana: dall'uva alle ciliegie, un anno di lavoro distrutto in un'ora

Si fa la conta dei danni in provincia di Foggia dopo l'ultima grandinata. I 'proiettili di ghiaccio' hanno avuto effetti deleteri sui vigneti e sulle ciliegie

Un anno di lavoro distrutto da un'ora di grandinata: ancora una volta gli agricoltori del Foggiano si trovano a fare la conta dei danni per il maltempo. In particolare, a essere colpita, è stata un'ampia zona nei pressi dell'aeroporto militare Amendola.

I chicchi di grandine si sono abbattuti sulle ciliegie, distruggendo quelle che erano riuscite a scampare al vento e alle piogge battenti dei giorni precedenti. I 'proiettili di ghiaccio' hanno avuto effetti deleteri anche sui vigneti in Contrada Amendola, danneggiando seriamente i grappoli di uva da tavola (Cultivar Sugraone) in fase di sviluppo.

"Di fronte a questo tipo di calamità, sempre più frequenti, non c'è rimedio, soprattutto quando l'azienda agricola non è riuscita ad accedere a un sistema assicurativo. E tutto questo perché, ad oggi, le assicurazioni non sono accessibili a tutti. È un sistema che va riformato, ampliato, reso sostenibile per le imprese agricole e adeguato alla frequenza sempre più elevata e costante degli eventi climatici estremi", dichiara Cia Agricoltori Puglia: "È una battaglia che stiamo conducendo da tempo e sulla quale le istituzioni dovranno dare una risposta, se non vogliono vedere sparire centinaia di aziende agricole". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La grandine mette in ginocchio l'agricoltura foggiana: dall'uva alle ciliegie, un anno di lavoro distrutto in un'ora

FoggiaToday è in caricamento