rotate-mobile
Cronaca

Malore per un agente in servizio allo stadio: cala il silenzio su Catanzaro-Foggia, ultrà rossoneri 'muti' in segno di rispetto

Un funzionario di polizia 34enne, si è accasciato al suolo durante il servizio di scorta dei tifosi ospiti. L'accaduto ha scosso nel profondo la tifoseria foggiana che, con questo gesto, si è stretta idealmente attorno all'agente, trasportato in elisoccorso al più vicino ospedale

Curva 'muta' oggi allo stadio 'Ceravolo', dove è da poco terminata la partita Catanzaro - Foggia.

I tifosi rossoneri giunti in Calabria hanno deciso di restare in silenzio, ritirando anche bandiere e striscioni, in segno di rispetto per quanto accaduto poco prima l'inizio del match, quando un giovane poliziotto è stato colpo da un improvviso e grave malore.

Si tratta di un funzionario 34enne, che si è accasciato al suolo durante il servizio di scorta dei tifosi ospiti. L'accaduto ha scosso nel profondo la tifoseria foggiana che, con questo gesto, si è stretta idealmente attorno all'agente, trasportato in elisoccorso al più vicino ospedale. Un comportamento che è stato apprezzato dagli addetti ai lavori definendolo "esemplare".

In conferenza stampa, il direttore sportivo del Catanzaro, Diego Foresti, ha elogiato pubblicamente i tifosi rossoneri: "In questi casi il calcio conta poco. Parlare del mondo ultrà è facile nelle situazioni negative, io invece penso che oggi i tifosi del Foggia abbiano fatto qualcosa di eccezionale a livello umano. Quindi onore e complimenti ai tifosi del Foggia e anche ai nostri: il secondo tempo della partita si è giocato in un silenzio assordante. Siamo vicini alla questura e alla famiglia di questo ragazzo. Quello che hanno fatto oggi i tifosi del Foggia rimarrà nel cuore di tutti".

Aggiornato alle 19.29

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Malore per un agente in servizio allo stadio: cala il silenzio su Catanzaro-Foggia, ultrà rossoneri 'muti' in segno di rispetto

FoggiaToday è in caricamento