rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022

Mafia foggiana come Camorra e 'Ndrangheta. Minniti: "Lo Stato non può permettersi di sottovalutarla"

Collaborazione tra la fondazione Medor e l'Università di Foggia. L'ex ministro Marco Minniti a Foggia

Una collaborazione molto importante tra la fondazione Medor e l'Università di Foggia è stata sancita questa mattina con la visita nel capoluogo dauno dell'ex ministro Marco Minniti: "L'idea è quella di sviluppare un'azione comune nel campo dell'alta formazione, siamo molto contenti di trovare l'ateneo dauno - nella persona del Rettore Pierpaolo Limone e del Senato Accademico - una collaborazione" ha sottolineato.

Sulla esclusione dei 35 comuni foggiani dai fondi statali per la videosorveglianza, sorvola con mestiere, ma non dimentica di rimarcare che in passato - almeno fino all'omicidio dei fratelli Luigi e Aurelio Luciani - lo Stato ha sottovalutato la violenza e la spregiudicatezza delle mafie foggiane.

Ricorda il suo lavoro sul territorio da ministro degli Interni e le risposte date per contrastare la 'Quarta Mafia' nemico numero uno dello Stato: dall'istituzione del reparto di prevenzione crimine a San Severo al reparto Cacciatori dei carabinieri. "C'è stata una risposta popolare molto importante, perché in questi casi le grandi mafie si combattono conquistando cuore e testa delle persone. Si è fatto un grande lavoro, non dobbiamo disperdere nulla di tutto ciò"

Minniti sottolinea come la 'Quarta Mafia' abbia mutuato l'aspetto gangsteristico tipico della Camorra napoletana e l'aspetto più strutturato della configurazione familistica delle mafie calabresi: "Qualcosa di importante e moderno, lo Stato non può permettersi di sottovalutare la partita".

Video popolari

Mafia foggiana come Camorra e 'Ndrangheta. Minniti: "Lo Stato non può permettersi di sottovalutarla"

FoggiaToday è in caricamento