La "mafia degli affari" e "indipendente" di Cerignola: nota in tutta Italia, diversifica le attività illecite e si sa rigenerare

E' la più solida del basso Tavoliere. Si connota come mafia degli affari, svincolata dalla rigidità tipica delle strutture fondate sui vincoli di familiarità e proiettata al raggiungimento di obiettivi a medio-lungo termine

Foto da BrindisiReport

Nel Basso Tavoliere, quella di Cerignola resta la realtà criminale strutturalmente più solida: non risente delle ripercussioni dei riassetti e delle fibrillazioni in atto nelle vicine aree e, partendo da un forte e radicato controllo del proprio territorio, attua una strategia operativa di progressiva espansione verso altre aree. Così, si cristallizza, nelle pagine che la Dia – Direzione Investigativa Antimafia invia al Parlamento ogni sei mesi (il documento fa riferimento al 1° semestre del 2018). 

Infatti, la capacità di diversificare le attività illecite da cui provengono le ingenti risorse finanziarie e di sapersi rigenerare, dando continuità ai traffici illeciti, le ha permesso di affermarsi anche a livello nazionale. Si connota come mafia degli affari, svincolata dalla rigidità tipica delle strutture fondate sui vincoli di familiarità (aspetto peculiare delle mafie foggiana e garganica) e proiettata al raggiungimento di obiettivi a medio-lungo termine, anche grazie, verosimilmente, all’esistenza di un organo decisionale condiviso, in grado di assoggettare in modo pragmatico il tessuto criminale, riducendo al minimo le frizioni.

La pluralità delle attività della mafia cerignolana, spesso condotte con forme di pendolarismo, costituiscono un valore aggiunto in termini sia finanziari che di carisma criminale nelle relazioni con le altre organizzazioni. Significativa al riguardo la già citata operazione “Ocean’s Twelve”, conclusa, a febbraio, dai Carabinieri, che hanno proceduto al fermo di 5 foggiani, presunti componenti del commando protagonista di un ingegnoso tentativo di furto milionario ai danni del caveau di una società di trasporto valori, con sede nella località svizzera di Chiasso.

Ad aprile, poi, nell’ambito della già segnalata operazione “Keleos”, la Polizia di Stato ha eseguito l’arresto di 6 soggetti di origine calabrese e di 3 originari di Cerignola - uno dei quali contiguo al clan cerignolano Piarulli- ed Andria (BT), tutti ritenuti responsabili, a vario titolo, di rapina, realizzata con schemi di tipo paramilitare, aggravata dal metodo mafioso, nonché dal possesso e detenzione di armi e munizioni da guerra, di furto e ricettazione dei veicoli. Costoro facevano parte del commando armato - composto da almeno 15 persone - che, nella serata del 4 dicembre 2016, assaltò il caveau di un Istituto di Vigilanza ubicato nella zona industriale di Catanzaro, asportando 8,5 milioni di euro in contanti.

Le indagini disvelarono la stretta sinergia tra consorterie pugliesi e calabresi, finalizzata ad agevolare la ‘ndrangheta catanzarese di San Leonardo di Cutro, atteso che parte del denaro era stato suddiviso tra le varie cosche dell’area. Tra gli indagati figurava, peraltro, un pregiudicato andriese, ucciso poi il 23 gennaio 2018 nella città pugliese, attivo nelle fasi preparatorie all’assalto. A febbraio, la DIA di Bari ha proceduto al sequestro di beni immobili, ad un complesso aziendale e disponibilità finanziarie - del valore stimato di 700 mila euro - riconducibili ad un pluripregiudicato di Cerignola, dedito a rapine e furti di ingentissimo valore, accusato di aver preso parte ad un sodalizio criminale, con base a San Pietro in Casale (BO), allo scopo di commettere furti in danno d’imprese e di riciclaggio di veicoli ricettati in tutto il nord Italia (Veneto, Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Umbria e Toscana).

Il provvedimento è scaturito dall’accertamento dell’evidente sproporzione dei redditi dichiarati rispetto al tenore di vita ed agli investimenti effettuati nel tempo. Altro provvedimento ablativo è stato eseguito, a Canosa di Puglia (BT) e a Milano, nel mese di maggio, nei confronti di un soggetto considerato contiguo al clan mafioso “Piarulli-Ferraro" Il decreto ha riguardato beni del valore di circa 3 milioni di euro.

Un capitolo a parte per la mafia nei comuni dei Cinque Reali Siti, ovvero l'area ricompresa tra i comuni di Orta Nova, Ordona, Carapelle, Stornara e Stornarella: pur risentendo in modo significativo dell’influenza della criminalità cerignolana, vanta la presenza criminale forte ed autorevole di clan, quali i Gaeta ed i Russo, capaci di ben interagire con la mafia cerignolana e foggiana. Ad Ordona, nel mese di marzo la DIA di Bari ha dato esecuzione ad un decreto di confisca nei confronti di un pluripregiudicato del luogo. Il provvedimento ha riguardato 3 aziende attive nel settore del trattamento e dello smaltimento dei rifiuti, del trasporto merci su strada e nel settore agricolo, 179 ettari di terreno, 5 immobili, 61 mezzi pesanti, tra trattori, pale meccaniche, escavatori, mezzi agricoli, disponibilità finanziarie, il tutto per un valore complessivo di circa 6 milioni di euro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento