Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

Violenta lite tra sorelle, attimi di paura e urla in un'abitazione. In casa c'erano fucili: polizia porta la pace e li sequestra

E' accaduto nel pomeriggio di ieri, in una abitazione del centro storico di Foggia. Ritirati in via precauzionale i fucili da caccia regolarmente detenuti dal padre delle due donne

Immagine di repertorio

Urla e graffi, scoppia una violenta lite tra sorelle sedata dall'arrivo della polizia. Nell'abitazione, gli agenti sequestrano alcune armi nelle disponibilità dell'anziano genitore.

E' accaduto nel pomeriggio di ieri, quando gli agenti delle Volanti sono intervenuti presso un’abitazione nella zona del centro storico di Foggia, per la segnalazione di lite in famiglia. Giunti sul posto, gli operatori hanno riscontrato la presenza di due sorelle, entrambe più che quarantenni, che poco prima avevano avuto un forte alterco e a causa del quale le stesse riportavano dei graffi e delle escoriazioni al viso.

Durante il sopralluogo, i poliziotti si sono accorti che nell’abitazione vive il genitore delle due donne e che lo stesso risulta essere detentore di diversi fucili da caccia. Considerato che l’uomo è affetto da una malattia e che le armi potevano essere usate impropriamente, le stesse sono state ritirate in via precauzionale.

Nella stessa giornata è stato effettuato, intorno a mezzogiorno, un altro intervento a seguito della segnalazione di una donna che era preoccupata per il fratello, che girava nel cortile dell’azienda con una pistola al seguito. 

I poliziotti intervenuti hanno accertato che l’uomo aveva nella sua disponibilità la pistola ma la stessa, insieme ad altre, dovevano essere custodite in altro luogo. Anche in questo caso, pertanto, si è provveduto ritirare cautelarmente le armi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenta lite tra sorelle, attimi di paura e urla in un'abitazione. In casa c'erano fucili: polizia porta la pace e li sequestra

FoggiaToday è in caricamento