menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine d'archivio

Immagine d'archivio

Lancia sassi contro le auto in corsa, poi sferra calci contro una porta e tenta la fuga: arrestato

In via San Severo a Foggia, il senegalese Daniel Samson ha danneggiato tre autovetture. Sottoposto a una perizia psichiatrica, è stato portato in Questura: qui ha tentato la fuga

Nell’ambito della quotidiana attività di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati, i poliziotti delle volanti di Foggia, unitamente a personale del Reparto Prevenzione Crimine, hanno tratto in arresto il senegalese classe 1989 Daniel Samson per violenza e resistenza a pubblico ufficiale, denunciato anche per aver danneggiato tre auto.

Alle 6,20 la volante del 113 ha ricevuto una segnalazione da parte della locale centrale operativa di uno straniero che stava lanciando sassi contro le auto in transito in via San Severo. Gli operatori hanno cercato di avvicinarvisi per bloccarlo, ma in evidente stato di agitazione e con fare minaccioso, il 29enne proferiva frasi sconnesse impugnando pezzi di asfalto.

Si divincolava una prima volta per essere nuovamente bloccato con l’ausilio di un equipaggio dell’R.P.C. e di un’altra Volante. L’uomo, con permesso di soggiorno scaduto, è stato sottoposto a perizia psichiatrica presso il Pronto Soccorso, con esito negativo. Nel corso delle procedure d’identificazione, all’improvviso ha iniziato a sferrare calci contro una  porta vetro dell’ufficio e a lanciarsi contro il muro, dimenandosi e zigzagando per guadagnarsi la fuga.

Ciononostante è stato prontamente bloccato dai poliziotti, due dei quali, nella procedura di contenimento, hanno subito lesioni giudicate guaribili sette giorni. L’uomo è stato tradotto presso la locale Casa Circondariale a disposizione della Procura della Repubblica di Foggia. “L’elevata professionalità degli agenti della Polizia di Stato intervenuti ha permesso di assicurare alla giustizia il reo impedendo che potessero essere messe in atto azioni delittuose più gravi”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento