Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Il Questore di Foggia plaude alla squadra 'Stato': "Determinati ad elevare il livello di legalità"

Questa mattina il questore Mario Della Cioppa ha tracciato un bilancio delle attività svolte dalla polizia nel 2017 e in particolar modo dal 10 agosto in poi, all’indomani cioè dell’agguato di mafia al boss Romito e a suo cognato, in cui furono assassinati anche due agricoltori innocenti, i fratelli Luigi e Aurelio Luciani

 

Il vertice della Polizia di Capitanata ha sottolineato il lavoro della squadra ‘Stato’ con le altre forze di polizia (il colonnello dei carabinieri Marco Aquilio, il colonnello della Guardia di Finanza Francesco Gazzani, il prefetto di Foggia Massimo Mariani ed il Procuratore della Repubblica Ludovico Vaccaro), determinata, ha detto, “ad elevare il livello di legalità a Foggia e in provincia”: “Gli ultimi aventi accaduti in questa provincia ci hanno fornito ulteriori motivazioni nello svolgimento delle nostre attività a favore della collettività, per le quali ogni singolo uomo e donna della polizia di stato, a partire dal sottoscritto, è servente”.

Omicidi, furti e rapine: il bilancio del 2017

“Consolidamento” delle azioni particolarmente intense e a carattere straordinario degli ultimi mesi, questo l’obiettivo di Della Cioppa nel 2018: “Lo stato si imporrà, spazzerà via chi si è macchiato di fatti abnormi e feroci, ed è tutto proteso a restituire la dovuta sicurezza e tranquillità a questa provincia”.

Il questore ha evidenziato come dal 10 agosto ad oggi è in atto, ininterrottamente, un piano straordinario di controllo del territorio finalizzato a garantire la tutela della sicurezza pubblica e il controllo del territorio, alla riduzione del senso di insicurezza percepito, alla massima prevenzione e contrasto dei reati predatori, con particolare riferimento a furti e rapine e reati contro il patrimonio in genere.

La polizia di Stato partecipa a questa sinergica azione con l’impiego complessivo supplementare h 24 di 25 pattuglie e 75 unità appartenenti al Reparto Prevenzione Crimine, composte da tre unità ciascuna, coordinate da un funzionario di rinforzo assegnato alla Direzione Centrale Anticrimine, che si aggiungono alle altre 104 unità delle altre forze di polizia, tutte dispiegate in via straordinaria nelle cinque macro aree: il quadrilatero San Severo-Apricena-Torremaggiore-San Marco in Lamis, il triangolo Manfredonia-Monte Sant’Angelo-Mattinata, l’area Vieste, l’area Foggia e l’area Cerignola-Orta Nova.

800 in tutto le persone di vari livelli e qualifiche che compongono l’amministrazione della pubblica sicurezza di Foggia, composta da 738 uomini e donne della polizia di Stato e 62 figure dell’Amministrazione Civile dell’Interno, alle quali Della Cioppa ha rivolto un particolare ringraziamento.

Della Cioppa ha poi ricordato come a far data dal 5 settembre, in pieno coordinamento con la Questura di Bari, è stata data esecuzione al progetto operativo denominato P.O.I, ovvero un piano straordinario di controllo del territorio Interprovinciale della Polizia di Stato, eseguito dalle questure di Bari e Foggia, sulla fascia territoriale al confine tra le due giurisdizioni, rientranti sotto la competenza della Prefettura di BAT, allo scopo di non lasciare ‘scoperta’ un’area sensibile, in considerazione del conseguente pericolo della possibile ‘saldatura’ fra criminalità appartenenti a territori diversi o, più semplicemente, dello ‘sconfinamento’ dei gruppi criminali operanti in Capitanata verso i limitrofi territori. Diciotto i P.O.I. effettuati finora.

Dal 20 settembre la questura di Foggia ha introdotto dispositivi interforze nel capoluogo dauno e a San Severo, con lo scopo di reprimere gli illeciti stradali (uso del casco e delle cinture), l’abusivismo commerciale sulle strade e agli incroci, il contrasto alle attività dei parcheggiatori abusivi. Trecento contravvenzioni in tre mesi ai motociclisti pizzicati senza casco “espressione arrogante di senso di illegalità e spregio delle regole elementari di base che alimenta comportamenti ben più gravi”; 44 sanzioni ai venditori abusivi e 16 sequestri di merce e di denaro nei riguardi di altrettanti venditori o parcheggiatori abusivi.

In conferenza stampa Mario Della Cioppa ha anticipato che all’inizio del nuovo anno la polizia di stato fornirà specifico supporto alla polizia locale per le attività di controllo di carattere amministrativo nei riguardi di circoli privati e dei distributori automatici situati nel centro storico di Foggia che spesso somministrano bevande alcoliche in violazione delle regole delle licenze, determinando o concorrendo a determinare criticità sotto il profilo della sicurezza generale dell’area: “Si preannuncia tale progettualità per spingere gli esercenti interessati a rispettare le regole, i responsabili di tali violazioni verranno sanzionati con la massima severità, anche con la sospensione delle relative licenze per periodi determinati”

Il potenziamento degli uffici investigativi e delle attività connesse alle misure di prevenzione personali e patrimoniali, quindi l’aumento delle sorveglianze speciali a carico di pregiudicati appartenenti o no alla criminalità organizzata, la costituzione del reparto di prevenzione crimine che sarà diretto dal vicequestore aggiunto Daniela Di Fonzo, il riassetto degli incarichi dirigenziali della questura e dei vari commissariati, sono le altre misure adottate nel 2017 ed evidenziate dal questore nella conferenza stampa di fine anno.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento