Striscia la Notizia documenta lo spreco dell'interporto di Cerignola: il video

Servizio di Fabio e Mingo. Costruita nel 1994 la struttura è costata venti milioni di euro. Si spendono 300mila all'anno per i costi del personale. Ci sono motori, macchinari e quadri elettrici distrutti

Mingo a Cerignola

Ovazione, cori e applausi negli studi di Striscia la Notizia al termine del servizio di Fabio e Mingo sull’Interporto di Cerignola andato in onda nella puntata del 25 aprile.

Diciotto anni dopo la costruzione dell’opera, mai entrata in funzione, Ficarra e Picone si sono lasciati andare ad un ironico “Tanti auguri” coinvolgendo anche la platea del programma satirico di Antonio Ricci.

Mingo ha vestito i panni della guida turistica per spiegare il perché dello spreco di denaro pubblico, uno dei tanti in provincia di Foggia.

Il complesso di strutture di 200mila mq costruito nel 1994 e costato ben 20 milioni di euro, sarebbe servito per lo scambio delle merci. Con la costruzione di 2 km di binari era stato persino progettato un collegamento con la rete ferroviaria nazionale.

IL SERVIZIO DI FABIO E MINGO: CLICCA QUI

Come tutte le opere all’incompiuto, anche quella dell’interporto della città ofantina è stata preda di vandali. Ci sono motori, macchinari e quadri elettrici distrutti. Ma ci sarebbe di più.

Ai turisti sgomenti, Mingo ha ricordato che l’interporto continua a rappresentare un costo per la collettività: ogni anno si pagherebbero 300mila euro di personale. La Regione Puglia non lo avrebbe inserito nel piano nazionale dei trasporti. Motivo, questo, che spinge a pensare che la struttura non partirà più.

Su internet c’è anche un sito realizzato ad hoc, anch’esso mai entrato in funzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Genitori furiosi con Emiliano, che li invita a non mandare i figli a scuola : "La Puglia non è una regione per bambini"

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento