rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca Cerignola

Striscia la Notizia documenta lo spreco dell'interporto di Cerignola: il video

Servizio di Fabio e Mingo. Costruita nel 1994 la struttura è costata venti milioni di euro. Si spendono 300mila all'anno per i costi del personale. Ci sono motori, macchinari e quadri elettrici distrutti

Ovazione, cori e applausi negli studi di Striscia la Notizia al termine del servizio di Fabio e Mingo sull’Interporto di Cerignola andato in onda nella puntata del 25 aprile.

Diciotto anni dopo la costruzione dell’opera, mai entrata in funzione, Ficarra e Picone si sono lasciati andare ad un ironico “Tanti auguri” coinvolgendo anche la platea del programma satirico di Antonio Ricci.

Mingo ha vestito i panni della guida turistica per spiegare il perché dello spreco di denaro pubblico, uno dei tanti in provincia di Foggia.

Striscia la Notizia: foto Interporto Cerignola

Il complesso di strutture di 200mila mq costruito nel 1994 e costato ben 20 milioni di euro, sarebbe servito per lo scambio delle merci. Con la costruzione di 2 km di binari era stato persino progettato un collegamento con la rete ferroviaria nazionale.

IL SERVIZIO DI FABIO E MINGO: CLICCA QUI

Come tutte le opere all’incompiuto, anche quella dell’interporto della città ofantina è stata preda di vandali. Ci sono motori, macchinari e quadri elettrici distrutti. Ma ci sarebbe di più.

Ai turisti sgomenti, Mingo ha ricordato che l’interporto continua a rappresentare un costo per la collettività: ogni anno si pagherebbero 300mila euro di personale. La Regione Puglia non lo avrebbe inserito nel piano nazionale dei trasporti. Motivo, questo, che spinge a pensare che la struttura non partirà più.

Su internet c’è anche un sito realizzato ad hoc, anch’esso mai entrato in funzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Striscia la Notizia documenta lo spreco dell'interporto di Cerignola: il video

FoggiaToday è in caricamento