Diga d’Occhito: interrogazione di Guerrera sul presunto inquinamento

Nei giorni scorsi era stata avanzata l'ipotesi di scarti della lavorazione del rame. In passato fu scoperto lo scarico di batterie illegale esauste

Sull'ipotesi di inquinamento dell'invaso d'Occhito il nuovo consigliere provinciale Vito Guerrera ha presentato al presidente Pepe un'interrogazione a risposta urgente in Consiglio Provinciale.

Si legge nella nota: "Considerato che l'acqua del Lago Occhito serve come fonte di approvvigionamento idrico potabile per quasi tutta la provincia' scrive Guerrera 'è quanto mai preoccupante la dichiarazione rilasciata qualche giorno fa alla stampa dal Sostituto Procuratore di Lucera, dottor Domenico Seccia, nella quale veniva avanzata l'ipotesi della presenza di scarti della lavorazione del rame, ovviamente scarichi illegali ed inquinanti, nell'invaso di Occhito".

Il consigliere dell'Unione di Capitanata aggiunge “Questo non è il primo episodio che mette in dubbio la salubrità dell'acqua dell'invaso. Già in passato si erano verificati episodi gravissimi, ad esempio lo scarico illegale ed inquinante di batterie esauste, poi rimosse dalle autorità competenti, o il recupero di un furgone portavalori ritrovato nel lago in un periodo di siccità".

"Sulla faccenda è necessario fare chiarezza: La giunta e l'assessore competente dovranno chiarire in Consiglio provinciale se l'amministrazione fosse a conoscenza di questo ultimo episodio inquinante citato dal sostituto procuratore Seccia, e se una tale ipotesi fosse stata avanzata nel tavolo dell'unità di crisi, istituito dalla Regione Puglia -Assessorato alle Politiche della Salute- a cui la Provincia partecipa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La Provincia, inoltre, a mio avviso" conclude l'interrogante "potrebbe sollecitare sia gli Enti competenti (ARPA, Istituto Superiore di Sanità) per il tramite della Regione allo svolgimento di analisi mirate per verificare lo stato di inquinamento del Lago artificiale di Occhito sia il Governo centrale e la Regione Puglia ad attuare un programma di vigilanza attiva h24 per evitare che fenomeni delinquenziali di tale livello e di gravità maggiore creando un danno agli abitanti della provincia di Foggia".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • E' morto Dario Montagano: l'imprenditore sanseverese trovato senza vita in giardino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento