Cronaca Candelaro / Via Antonio Mendolicchio

Giallo sulla sparatoria al Candelaro: spunta un ferito, eseguiti tre esami stub

Nessuna telecamera a supportare il lavoro investigativo dalla polizia. Nonostante ciò si affinano le informazioni, si ricostruiscono i vari passaggi della dinamica dell'accaduto. Nella notte, interrogatori, perquisizioni ed esami stub

Una perquisizione domiciliare, tre esami stub e numerose persone interrogate nella notte. Proseguono le indagini degli uomini della squadra mobile di Foggia in merito alla sparatoria messa a segno alle 15 di ieri, in via Mendolicchio, al quartiere Candelaro a Foggia.

Nessuna telecamera a supportare il lavoro investigativo dalla polizia, nessuna testimonianza diretta. Nonostante ciò si affinano le informazioni, si ricostruiscono i vari passaggi della dinamica dell’accaduto. Il fatto è successo poco dopo le 15: una Fiat Marea station wagon ha inseguito ed affiancato una Fiat Stilo con a bordo, presumibilmente, un pregiudicato foggiano di 38 anni, proprietario dell’auto.

Da via Ruffo a via Mendolicchio è stato aperto il fuoco: 9 (e non sette come precedentemente detto) i bossoli repertati, tutti calibro 7,65. Obiettivo presunto dell’accaduto è l’intestatario dell’auto, un 38enne della zona, già gambizzato in un altro agguato nel 2012, sempre in quella zona. Il bersaglio delle pistolettate, accortosi della scarica di proiettili, si è abbassato per schivare i colpi, mentre la sua auto era in corsa e ha impattato contro due mezzi in sosta (un furgoncino ed un suv).

Due proiettili si sono conficcati nella carrozzeria dell’auto (nel parafango e nello sportello anteriore sinistro), ma fortunatamente non hanno attinto l’obiettivo. Nessuno, in un primo momento, sembrava essere stato coinvolto nella sparatoria stile Far-West. O quantomeno non le persone che si sono affrontate in strada. I medici del pronto soccorso cittadino, però, un’ora dopo, hanno medicato un giovane di 33 anni accompagnato dal padre con una ferita da arma da fuoco al polpaccio.

Il giovane ha dichiarato di essere stato ferito da un proiettile vagante e di non conoscere l’obiettivo dell’agguato, nonostante abiti nello stesso rione. Sulla versione del giovane sono in corso gli accertamenti della polizia, che sono alla ricerca della pistola dalla quale è stato aperto il fuoco. Sul posto, per i rilievi gli uomini della Sezione Volanti di Foggia; le indagini sono affidate agli uomini della squadra mobile dauna.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giallo sulla sparatoria al Candelaro: spunta un ferito, eseguiti tre esami stub

FoggiaToday è in caricamento