Cronaca San Guglielmo e Pellegrino / Via Vincenzo Acquaviva

Bomba a 'Il Sorriso di Stefano': ripreso dalle telecamere l'esecutore, arrivato in bici ha piazzato e fatto esplodere l'ordigno

L'esplosione è stata innescata da una bomba carta ad alto potenziale, sicuramente maggiore dell'attentato subito lo scorso 16 gennaio. Le indagini sull'accaduto sono coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bari

Indagini serrate della polizia dopo l'attentato dinamitardo (il secondo dall'inizio dell'anno) di ieri pomeriggio, in danno del centro polivalente 'Il Sorriso di Stefano', in via Acquaviva, a Foggia.

Le telecamere della videosorveglianza presenti in zona hanno ripreso il 'bombarolo' in azione: si tratta di un uomo solo, giunto sul posto in sella ad una bicicletta e con il volto nascosto dal cappuccio della felpa calzato sul viso. Non si esclude che possa essere l'autore dell'attentato avvenuto a gennaio, con le stesse modalità.

Tra ieri e oggi, la polizia avrebbe effettuato numerose perquisizioni a carico di pregiudicati della città. L'esplosione è stata innescata da una bomba carta ad alto potenziale (sicuramente maggiore dell'attentato subito lo scorso 16 gennaio). Le indagini sull'accaduto sono coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bari. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bomba a 'Il Sorriso di Stefano': ripreso dalle telecamere l'esecutore, arrivato in bici ha piazzato e fatto esplodere l'ordigno

FoggiaToday è in caricamento