rotate-mobile
Cronaca

Agguato a Francavilla, omicidio mancato o avvertimento? Le indagini dopo gli spari al boss Antonello e al figlio Mario

Numerosi i nodi da sciogliere per gli investigatori della squadra mobile ed i pubblici ministeri della direzione distrettuale antimafia incaricati delle indagini sul caso che potrebbe segnare la riapertura della guerra di mafia, a Foggia

Tanti interrogativi dietro l?agguato ad Antonello Francavilla, 44enne foggiano colpito a Nettuno, insieme al figlio 15enne, nel villino in cui stava scontando gli arresti domiciliari. Numerosi i nodi da sciogliere per gli investigatori della squadra mobile ed i pubblici ministeri della direzione distrettuale antimafia incaricati delle indagini sul caso che potrebbe segnare la riapertura della guerra di mafia, a Foggia.

I sicari sono arrivati da Foggia o sono stati assoldati a Nettuno? L?obiettivo era uccidere il boss della Società Foggiana o la loro intenzione era recapitare un messaggio chiaro al clan Francavilla-Sinesi (decimato dalle ultime operazioni antimafia)? In attesa di risposta, i due - Antonello e il figlio Mario - sono in ospedale in condizioni gravissime. Come riporta RomaToday.it, a lottare fra la vita e la morte è soprattutto il figlio 15enne, sottoposto ad un delicato intervento neurochirugico e di chirurgia toracica e ricoverato nel reparto di terapia intensiva pediatrica del policlinico Gemelli.

Antonello Francavilla, chi è il boss di Foggia ferito con il figlio 15enne nell'agguato di Nettuno

Un vero e proprio agguato in stile mafioso, attuato in pieno giorno da due killer che sono riusciti a farsi aprire la porta dopo essere spacciati per poliziotti che dovevano fare un controllo. Aperta la porta del villino di via Greccio sono poi stati dieci i colpi esplosi con una pistola calibro 380 9 millimetri corto. Sei contro Antonello Francavilla, colpito all'addome, al petto ed al braccio destro; due contro il figlio minorenne, uno alla testa e l'altro alla schiena.

Proprio il figlio Mario - arrivato a casa del padre dalla Puglia appena due giorni prima dell'agguato - potrebbe essere stato seguito dai sicari al fine di poter raggiungere il padre che sta scontando una pena agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico nel comune litoraneo della provincia romana. Ma come è possibile che i killer non siano riusciti a mettere a segno il duplice omicidio? Fra le ipotesi non si esclude che chi abbia commissionato l'agguato volesse mandare un segnale forte al boss ed ai suoi sodali. Forse l'obiettivo era proprio il figlio, colpito in due parti vitali a differenza del padre, a cui i due killer avrebbero potuto dare il colpo di grazia una volta entrati nella sua villa, senza però farlo.

In attesa di poter ascoltare nuovamente il boss della società foggiana, a dare le prime indicazioni agli agenti intervenuti per primi sul luogo del duplice tentato omicidio è stato proprio Antonello Francavilla. Piantonato all'ospedale Riuniti di Anzio appena i medici daranno l'ok il 44enne sarà di nuovo ascoltato, anche se le possibilità che possa offrire elementi utili alle indagini sono difficili. Intanto, a Foggia, l?attenzione delle forze di polizia è altissima. Gli investigatori foggiani hanno alzato l?asticella del controllo su un territorio già massicciamente presidiato con continui operazioni ?Alto impatto?.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agguato a Francavilla, omicidio mancato o avvertimento? Le indagini dopo gli spari al boss Antonello e al figlio Mario

FoggiaToday è in caricamento