Informazione di garanzia a Landella, avrebbe omesso di rispondere al VISAG: le precisazioni

Informazione di garanzia per presunte omissioni nel rispondere a note inviate dal Servizio di Vigilanza sull'Igiene e la Sicurezza dell'Amministrazione della Giustizia. Landella: "Estraneo a tale addebito"

Franco Landella

Oggi il sindaco di Foggia, Franco Landella, ha ricevuto un’informazione di garanzia dalla Procura delle Repubblica di Foggia, a firma del Sostituto Procuratore della Repubblica dottor Antonio Laronga, nella quale gli si contesta il reato di cui all’art. 328, comma 2, del Codice Penale, perché avrebbe omesso di rispondere ad istanze ricevute dal Servizio di Vigilanza sull’Igiene e la Sicurezza dell’Amministrazione della Giustizia (VISAG) nelle quali gli si chiedeva, in qualità di sindaco del Comune di Foggia, di comunicare le iniziative intraprese dall’amministrazione comunale al fine di garantire la sicurezza e la salute dei luoghi di lavoro presso il Palazzo di Giustizia di Foggia.

Questo il commento del primo cittadino: “Voglio innanzitutto precisare che ho avuto modo di relazionarmi più volte sulla problematica dei lavori di messa in sicurezza da effettuare presso il Palazzo di Giustizia, sia personalmente, recandomi a parlarne con il Procuratore Capo, dottor Leone De Castris, sia inviando diverse missive in cui rappresentavo le difficoltà dell’Ente nel gestire una situazione ereditata dalla precedente Amministrazione e che si protrae da anni. Ancora nel febbraio di quest’anno ho inviato una missiva ai vertici del Palazzo di Giustizia in cui esponevo le difficoltà finanziarie in cui versa l’Ente, ribadendo, al contempo, il mio assoluto interessamento a trovare in tempi rapidi la migliore soluzione possibile”.

AVVISO DI GARANZIA ANCHE A MONGELLI

Aggiunge Landella: “Pochi giorni dopo, a dimostrazione dell’impegno assunto, ho altresì inviato ai suddetti organi copia della conferenza di servizio tenuta sull’argomento con i dirigenti comunali, nella quale ancora una volta ho sollecitato i dirigenti competenti ad attivarsi per effettuare i lavori richiesti reperendo l’adeguata copertura finanziaria. Quanto alle tre note alle quali mi si contesta di non aver risposto, ho potuto verificare dalla stessa imputazione di averle girate per competenza agli uffici preposti, con assoluta tempestività: le prime due risultano infatti inviate il giorno successivo a quello di ricezione, la terza dopo soli due giorni”.

Il sindaco di Foggia conclude: “Sono pertanto assolutamente sereno e fiducioso di poter chiarire quanto prima la mia posizione, nella certezza che non possano addebitarsi al sindaco, titolare dell’indirizzo politico dell’amministrazione, compiti che non gli spettano, così come stabilito sin dalla riforma introdotta con la legge “Bassanini”. A tal fine, ho immediatamente dato mandato al mio legale di fiducia, avvocato Michele Curtotti, per chiedere di essere ascoltato dal Sostituto Procuratore titolare di tale indagine, al fine di chiarire la mia assoluta estraneità a tale addebito”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • Addio a Padre Marciano Morra: per 20 anni fu amico e confratello di Padre Pio

  • La Puglia verso la zona arancione

  • Otto minuti di follia: inseguimento da film tra auto e pedoni, l'incidente contro un muro e la cattura dei due fuggitivi

  • 170 pazienti in terapia intensiva e 1392 in area non critica in Puglia. Nel Foggiano covid-free solo due comuni su 61

Torna su
FoggiaToday è in caricamento