Con la bici si schianta contro un'auto, poi pretende soldi per il telefono rotto: attenzione, è una truffa!

E' successo ieri sera, a Foggia, nel centralissimo Corso Garibaldi, dove due donne a bordo di un'auto sono incappate nel tentativo di truffa ordito da un 50enne e dal suo complice, entrambi individuati dalla polizia

Immagine di repertorio

In sella di una bici, simula un incidente stradale e chiede un risarcimento, ma è una truffa. È accaduto ieri sera, nel centralissimo Corso Garibaldi, a Foggia, dove due donne a bordo di un'auto sono incappate nel tentativo di truffa ordito da un 50enne e dal suo complice.

Nel dettaglio, gli agenti del Reparto Prevenzione Crimine di Lecce e del Reparto Volanti della Questura di Foggia, intorno alle 20.45, sono intervenuti per una segnalazione di tentata truffa ai danni di due donne a bordo di auto. Giunti in Corso Garibaldi, gli agenti hanno individuato immediatamente l’autovettura segnalata, con le due donne a bordo, con i due malfattori ancora nei pressi della portiera auto.

Alla vista degli operatori, i due hanno tentato di allontanarsi ma senza riuscirci, in quanto sono stati fermati dagli operatori. Agli agenti, le due donne hanno riferito che mentre si muovevano a bordo dello loro auto dal piazzale antistante il Palazzo del Comune, notavano un uomo di circa 50 anni, a bordo di una bici che si avvicinava a loro e urtava di proposito l’autovettura, per poi inseguirle gridando che si dovevano fermare perché aveva subito un danno al telefono cellulare. Difatti l'uomo mostrava loro un telefono con lo schermo rotto e nel contempo chiedeva di essere risarcito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le due signore, spaventate, hanno riferito di aver chiamato la polizia ementre nel frattempo si avvicinava loro anche il complice, che iniziava a bussare ripetutamente al finestrino lato destro. Considerata la condotta dei due soggetti fermati, che urlavano e non esibivano i documenti, gli stessi sono stati sottoposti a perquisizione personale: a carico del complice, 24enne, sono stati trovati due coltelli di cui uno a serramanico e l’altro a scatto con lama di 10 cm. Tutto il materiale è stato sequestrato, e il possessore denunciato per il reato di porto illegale di armi o oggetti atti ad offendere. Le due donne sono state informate della facoltà di procedere a querela nei confronti dei due malfattori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul pullman Foggia-Vieste: passeggero muore durante il viaggio, ad accorgersene l'autista

  • Ultima ora: rinvenuto cadavere di un uomo

  • Salvini contestato a San Giovanni, replica ai fischi e al coro "scemo, scemo": "Mia figlia di 7 anni più evoluta di voi"

  • Francesco è "grave ma stabile", altre ferite compatibili con un'arma da taglio: è caccia agli autori della violenta rapina

  • Ultima ora: violenta rapina in un bar di Foggia

  • Sirene e lampeggianti della polizia a Foggia: 'staffetta' per una delicata consegna di farmaci anti-covid al 'D'Avanzo'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento