Puglia, diminuiscono gli incidenti stradali mortali: Statale 16 la più pericolosa

Delle 272 vittime nel 2011, il 12% erano pedoni, il 69% conducenti e il 20% passeggeri. Numero di vittime pedoni in aumento. Pericolosa anche la A14. Sabato e domenica i giorni neri

La Puglia tira un sospiro di sollievo, si fa per dire ovviamente. Nel 2011 gli incidenti stradali mortali sono diminuiti di quasi il 10% passando da 265 a 239.

Lo sostiene il quinto rapporto sulla Sicurezza Stradale secondo cui lo scorso anno in Puglia si sono registrati 12.053 sinistri, 272 decessi e 20.289 ferimenti, con un calo del 3,4% degli incidenti con lesioni a persone, del 3% di feriti e del 6,8% del numero di morti.

A illustrare i dati, stamane a Bari, è stato l'assessore regionale alla Mobilità, Guglielmo Minervini, secondo il quale "la Puglia sta per raggiungere il traguardo indicato dall'Europa, ovvero l'abbattimento del 50% della mortalità sulle strade. Rispetto al 2001 - ha sottolineato l'assessore - il calo del numero dei morti in Puglia è stato del 41,1% contro il 36,8% nel 2010".

Per Minervini si tratta "di un dato confortante che segnala un miglioramento rispetto al dato medio regionale dell'Italia registrato nel 2010, del 39,9%. Ma l'obiettivo è debellare la mortalità".

Delle 272 vittime nel 2011, il 12% erano pedoni (+19,2% rispetto al 2010), il 69% conducenti e il 20% passeggeri. In aumento anche le percentuali di incidenti con un solo veicolo coinvolto (+12,9%) e il numero dei morti in questa tipologia di sinistro (+16,6%).

Il maggior numero degli incidenti si è verificato nei centri abitati (70%), mentre il 28% su strade statali o provinciali e solo l'1,1% in autostrada.

Tra le strade più a rischio in Puglia ci sono, oltre alla SS.16, la SS.89 (37 incidenti, 2 decessi, 68 feriti) e la A14 (34 incidenti, 3 incidenti, 6 feriti).

 Il 37% degli incidenti è avvenuto su un rettilineo, e tra le cause presunte più ricorrenti ci sono la guida distratta (35,5%) e l'eccesso di velocità (15%).

Mentre più della metà degli incidenti si è verificato agli incroci stradali e per mancanza del rispetto del segnale di stop.

La maggior parte dei sinistri continua ad avvenire nella notte tra il sabato e la domenica e nelle prime ore della domenica pomeriggio, "quando i conducenti si sentono più sicuri perché ci sono poche auto in giro e quindi accelerano".

Il 65% dei conducenti deceduti per uscita del mezzo fuori strada, aveva meno di 44 anni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(ANSA)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento