Terribile incidente in Tangenziale a Foggia: suora non ce la fa, muore in ospedale dopo 25 giorni di agonia

La donna è deceduta nella giornata di ieri presso l'ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo dove era ricoverata in prognosi riservata

Immagine di repertorio

Non ce l'ha fatta una delle tre suore rimaste ferite nel terribile incidente stradale avvenuto lo scorso 1° agosto, lungo la tangenziale di Foggia. La donna, italiana di 85 anni (di cui non sono state ancora rese note le generalità), è deceduta nella giornata di ieri, all'ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, dove era ricoverata in prognosi riservata.

Chi era suor Veneranda Rex

Le tre donne, lo ricordiamo, rimasero gravemente ferite nell'impatto avvenuto tra la loro auto e un tir, e furono trasportate d'urgenza in ospedale a Foggia, per essere poi trasferite presso il policlinico garganico. Una fu dimessa dopo pochi giorni, un'altra è tutt'ora ricoverata a Casa Sollievo. 

In merito all'incidente sono in corso gli accertamenti della Polizia Locale di Foggia. Secondo quanto accertato nell'immediatezza dei fatti, l'auto con a bordo le tre suore fu tamponata da un tir che trasportava cipolle. L'impatto fu violentissimo, e le tre donne furono estratte dalle lemiere dell'auto solo grazie all'intervento dei vigili del fuoco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • Addio a Padre Marciano Morra: per 20 anni fu amico e confratello di Padre Pio

  • La Puglia verso la zona arancione

  • Otto minuti di follia: inseguimento da film tra auto e pedoni, l'incidente contro un muro e la cattura dei due fuggitivi

  • Neve fino a quote basse e temperature in calo: oggi tempo incerto, domani sole e giovedì sera la coltre bianca

Torna su
FoggiaToday è in caricamento