menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il luogo dell'incidente

Il luogo dell'incidente

Quella inversione a 'u' che ha provocato la morte di Simone: 24enne arrestato per omicidio stradale (e pericolo di fuga)

Dai rilievi effettuati, sono emersi gravi responsabilità a carico del conducente della 'Punto', per una manovra di inversione ad “U”, non consentita in quel tratto di strada

Dovrà rispondere del reato di omicidio stradale il 24enne Adrian Ionut Cojocaru. Il giovane, arrestato dagli agenti della Polizia Stradale del distaccamento di San Severo, era alla guida della Fiat Punto che lo scorso sabato mattina ha falciato una motocicletta lungo la Statale 89, provocando la morte del motociclista Simone Capozzi.

Cojocaru, nato a Valenii de Munte (Romania) e residente a Posesti (Romania), munito di patente romena, è attualmente in Italia per lavoro per conto di una ditta con sede a Posesti che in subappalto sta effettuando lavori presso la Sisecam di Manfredonia. Lo scorso sabato mattina era alla guida dell'auto, con un collega di lavoro, quando il mezzo si è scontrato con una moto Kawasaki guidata dal 29enne foggiano Simone Capozzi, deceduto a seguito dell'impatto.

Dell'accaduto, si è subito informato il pm di turno presso la Procura del Tribunale di Foggia, Giuseppina Gravina, la quale disponeva l’invio sul posto della dottoressa della medicina legale di Foggia per l’ispezione e ricognizione cadaverica. Dai rilievi, sono emersi gravi responsabilità a carico del conducente dell’autovettura, in relazione alla dinamica dell’incidente stradale, in quanto poneva in essere manovra di inversione ad “U”, al fine di invertire il proprio senso di marcia.

Detta manovra è vietata su tale tipologia di strada, carreggiata a quattro corsie di marcia, due per ogni senso di marcia, divisa da doppia striscia continua di mezzeria, nonché per la presenza di un’area di svincolo. Un testimone di quanto accaduto, in transito alla guida della propria autovettura al momento dell’incidente, si è reso disponibile a rendere dichiarazioni. I veicoli in questione sono stati sottoposti a sequestro penale a disposizione dell’autorità competente con affidamento in giudiziale custodia ad una ditta di Soccorso Stradale.

Al termine della prima ricostruzione della dinamica del sinistro e dell’accertata violazione alle norme comportamentali del codice della strada, gli agenti hanno proceduto all’arresto, per omicidio stradale, di Cojacaru, motivato dal pericolo di fuga, in quanto l’arrestato si trova solo momentaneamente in Italia per motivi di lavoro, e potrebbe allontanarsi rendendosi irreperibile. L’arresto è stato convalidato dal pm di turno presso la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lopalco: "Puglia zona gialla non è liberi tutti"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento