Incidenti stradali: nel 2012 diminuiscono in Puglia, in Capitanata 53 morti e 2445 feriti

E' il bilancio tracciato dall'Arem nel VII Rapporto sulla Sicurezza Stradale nel 2012. L'assessore Giovanni Giannini: "Troviamo un barlume di ottimismo che riguarda la nostra regione"

Mappa incidenti mortali in Puglia

Nel 2012 in provincia di Foggia ci sono stati 1383 incidenti stradali di cui 53 morti e 2445 feriti. L’11,5% in meno dei sinistri, il 20,9% dei morti e il 14,2% dei feriti in meno. E’ quanto emerge dal VII Rapporto sulla Sicurezza Stradale in Puglia nel 2012. La Regione, invece, è stata teatro di 10215 sinistri con lesioni a persone che hanno causato il decesso di 264 vittime ed il ferimento di 16821 individui.

Anche quest’anno si conferma la tendenziale riduzione nel numero delle vittime e nel numero di incidenti stradali riscontrata nell’ultimo triennio. Rispetto al 2011 la Puglia ha registrato una diminuzione importante nel numero degli incidenti (15,6 %) e nel numero dei feriti (17,0%) e, di rilievo, nel numero dei decessi (2,6%).

L’assessore alla Mobilità, Giovanni Giannini: “Quest’anno il periodico appuntamento per dare contezza sugli incidenti stradali in Puglia, coincide, più che mai, con gravi circostanze luttuose a livello nazionale a tutti tristemente note. In questo doloroso contesto, tuttavia, troviamo un piccolo barlume di ottimismo che riguarda la nostra regione e che ci auguriamo sia la testimonianza e la conferma di una duratura tendenza positiva.

Infatti, nel 2012, sulla base dei dati trasmessi dalle Polizie municipali, dall’Arma dei Carabinieri e dalla Polizia stradale all’ufficio di monitoraggio per la Sicurezza Stradale dell’Agenzia Regionale per la Mobilità nella Regione Puglia, risulta che si sono verificati in Puglia 10.215 incidenti stradali con lesioni a persone. Il numero dei morti, entro il trentesimo giorno, è pari a 264 mentre i feriti ammontano a 16.821. Rispetto al 2011, si riscontra una diminuzione del numero degli incidenti con lesioni a persone (-15,6%) e del numero dei morti (-2,6%); anche i feriti risultano in calo (-17,0%).

INCIDENTI STRADALI 2012: IL RAPPORTO AREM

Il calo del numero di morti, rispetto al 2001 - anno di avvio della risoluzione comunitaria per il contenimento della mortalità per incidente stradale - è stato pari al 42,9% (era 41,1 nel 2011 e 36,8% nel 2010). Nel 2012 il tasso di mortalità per incidente stradale in Puglia è pari a 65 morti per milione di abitanti. Tale valore si è sensibilmente ridotto se comparato al 2001 quando il livello del tasso era pari a 115 morti.

Il 68,2% degli incidenti si è verificato nei centri abitati, il 30,9% fuori dall’abitato e lo 0,9% nelle autostrade. Il maggior contributo alla diminuzione del totale delle vittime in incidente stradale è dato, nel 2012, dalla flessione del numero dei morti su strade urbane (-21,5%), mentre la diminuzione è più contenuta sulle strade provinciali (-9,5%). Il valore è stabile, invece, sulle strade statali ed in aumento in autostrada.
“Gli incidenti mortali passano dai 243 del 2011 ai 229 del 2012 con una riduzione del 9,4%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

INCIDENTI MORTALI IN PUGLIA: LA MAPPA

Il rapporto redatto dall’Agenzia Regionale per la Mobilità nella Regione Puglia, in virtù del protocollo d’intesa per il coordinamento delle attività inerenti la rilevazione statistica sull’incidentalità stradale tra ISTAT, Ministero dell’Interno (servizio Polizia Stradale), Ministero della Difesa, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, UPI e ANCI, fornisce un quadro utile per supportare tutti i Soggetti ai diversi livelli istituzionali interessati in materia di mobilità ad assumere delle decisioni informate pur se, com’è noto, continua ad essere il fattore umano (70% delle cause dei sinistri) quello maggiormente responsabile di quanto si registra e verso il quale è necessaria la massima mobilitazione possibile per ridurne i disastrosi effetti.

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento