Precipita con l’auto da una scogliera del Gargano, ipotesi suicidio

Carmine Capozzi di San Giorgio del Sannio, imprenditore e titolare di una stazione di servizio, si sarebbe tolto la vita perché strozzato dai debiti di banche e fornitori tra Mattinata e Vieste

Si chiamava Carmine Capozzi l’imprenditore del Beneventano precipitato con la sua Fiat Uno in un dirupo sulla provinciale 53 che collega Mattinata a Vieste, in località Scapone, non molto distante dalla statale 89.

Di San Giorgio del Sannio, il 48enne titolare di una stazione di servizio, secondo i carabinieri di Manfredonia che si sono occupati dei rilievi del caso, potrebbe essersi suicidato perché oppresso dai debiti contratti con le banche e con i fornitori.

L’uomo si era allontanato di casa nel pomeriggio. Sul luogo dell’incidente non sono stati trovati segni di frenata.

Questo lascia presagire che l’uomo, molto probabilmente, si sia voluto togliere la vita. La vettura, dopo essere caduta dal promontorio attraversando una fitta boscaglia, ha terminato la sua corsa lungo la scogliera: la carrozzeria al momento dell'arrivo dei soccorsi si trovava in acqua.

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento