Incidenti stradali Cerignola

Forzano posto di blocco e scappano a 200 km/h, poi lo schianto: morti due cerignolani

Nicola Manzi di 36 anni e Mario Saccotelli di 40, avevano forzato un posto di blocco alla periferia di Cerignola. Il grave incidente stradale all'altezza di Canosa di Puglia

Due uomini di Cerignola, hanno perso la vita all'alba di oggi, in un incidente stradale avvenuto lungo la provinciale 231, all’altezza di Canosa di Puglia, in direzione Andria.

I due sono morti sul colpo, dopo un folle corsa a 200 km/h ingaggiata per forzare un posto di blocco dei carabinieri alla periferia di Cerignola e seminare loro lanciandosi sulla provinciale verso il nord Barese. Durante la fuga, la Lancia K con a bordo di due uomini - Nicola Manzi di 36 anni e Mario Saccotelli di 40, entrambi di Cerignola - è uscita fuori strada, ribaltandosi più volte su sé stessa e terminando la corsa contro un guard rail.

Per i due non c'è stato nulla da fare: sono stati sbalzati fuori dall'abitacolo del mezzo. All'interno dell'auto, pare che gli operatori abbiamo recuperato una borsa contenente arnesi atti allo scasso. Pertanto, non si esclude che i due abbiano forzato il controllo poichè avevano appena messo a segno un colpo oppure stavano per farlo. Indagini in corso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forzano posto di blocco e scappano a 200 km/h, poi lo schianto: morti due cerignolani

FoggiaToday è in caricamento