Cronaca Vico Corto

Incendio a Vico Corto. La rabbia dei residenti

Fa ancora notizia il vicolo cittadino chiuso nel 1999, da una recinzione posta a protezione di un rudere pericolante, e in uno stato di degrado da tempo. Nella giornata di ieri i vigili del Fuoco sono intervenuti per spegnere un incendio

A due anni di distanza si ritorna a parlare di Vico Corto. Una stradina stretta pubblica, ma interdetta al passaggio pedonale nel 1999, a causa di una recinzione posta a protezione di un rudere pericolante. Già nel 2014 Foggiatoday denunciò il suo stato di degrado e di abbandono della strada posta tra via Fioritto e via San Lazzaro.

Potrebbero essere state proprio le condizioni di degrado a generare l’incendio divampato ieri all’interno della recinzione installata dal Comune, dove da tempo si accumulano sterpaglie e i rifiuti gettati dalla gente incivile e trasportati dal vento. Solo un tempestivo intervento dei vigili del fuoco ha scongiurato che la situazione potesse generare. Resta tuttavia la preoccupazione dei residenti della zona. Le fiamme rischiavano di raggiungere le abitazioni del palazzo adiacente oltre alle auto in sosta.

Da qui l’ennesimo appello all’amministrazione comunale, affinché si intervenga definitivamente, intercedendo anche con i proprietari del rudere, ai quali si chiede di restaurare la struttura o abbatterla.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio a Vico Corto. La rabbia dei residenti

FoggiaToday è in caricamento