menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La nuvola di fumo in via Castelluccio

La nuvola di fumo in via Castelluccio

Incendio rifiuti, le associazioni ambientaliste vogliono sapere: “Si è liberata la diossina?”

L'intervento di Acli, CSN, Italia Nostra, Legambiente, VAS, WWF in seguito all'incendio di via Castelluccio e alle sue conseguenze

Per ACLI Ambiente, Centro Studi Naturalistici, Italia Nostra, Legambiente circolo Gaia, Verdi Ambiente e Società, WWF di Foggia, “sono diverse e inquietanti le anomalie che si sono verificate nella gestione del disastro ambientale causato dall'incendio, continuato per diversi giorni, della discarica abusiva di rifiuti (“non di ecoballe”) di via Castelluccio”.

Le associazioni evidenziano: “Mentre i foggiani la prima sera dell'incendio avvertivano distintamente in città la puzza di immondizia bruciata, dagli Enti di controllo non sono arrivate decisioni e comunicazioni alla cittadinanza. Anche il Sindaco, probabilmente condizionato dai silenzi degli organismi di controllo, ha tardato a far valere il suo ruolo, previsto dalla Legge, di  autorità sanitaria locale a tutela dell'ambiente e della salute pubblica. Malgrado, infatti, sia stato invitato da alcuni consiglieri comunali a emettere subito un'ordinanza a tutela delle persone, ha preferito aspettare. I dati, quando finalmente sono stati resi pubblici, hanno confermato che le preoccupazioni dei cittadini erano fondate. I quantitativi di PM 10 presentano, infatti, un valore di 1000 ug/m3 contro il limite giornaliero  di 50 ug/m3 da non superare in qualsiasi  città”

“Altro aspetto – scrivono - è l'area oggetto della ordinanza che ha un raggio di solo 400 metri. “Ci chiediamo se sia sufficiente, considerato che a Pomezia l'ordinanza sindacale, emessa con valori di PM molto più bassi, ha riguardato un raggio di 5 km e là erano solo plastiche, mentre nel nostro caso sono rifiuti ignoti, stoccati illecitamente e di dubbia provenienza”.

ACLI Ambiente, Centro Studi Naturalistici, Italia Nostra, Legambiente circolo Gaia, Verdi Ambiente e Società, WWF di Foggia precisano: “Purtroppo quello incendiato non è l’unico sito in cui sono stati rinvenuti rifiuti trattati e stoccati illegalmente. È di pochi giorni fa la notizia che altre ‘balle di rifiuti trattati’ sono stati ritrovati nei pressi di via del Mare, rifiuti che Grandaliano disconosce come prodotti da impianti pubblici pugliesi. Com’è possibile, si chiedono le associazioni, che la zona di Foggia sia diventato un luogo di smaltimento illegale di rifiuti a cielo aperto e in zone di frequente passaggio? Forse è anche la lentezza con cui si tarda a rimuovere le discariche di inerti, spesso presenti in zone adiacenti le tangenziali, a invogliare ‘altri’ smaltimenti illeciti”.

All’amministrazione comunale del capoluogo dauno, chiedono di pubblicare e spiegare i dati raccolti e le modalità con cui verrà fatta la bonifica, assicurando i cittadini che tutte le istituzioni competenti in materia (ARPA, ASL, IZS) lavorino insieme per conoscere esattamente quali sostanze si siano diffuse nell’aria, se ci sono conseguenze per i terreni e le colture e se esistono condizioni di potenziale pericolosità futura.

Perché, evidenziano, “l'incendio ha prodotto sicuramente una quantità non trascurabile di numerosi macro e micro inquinanti (polveri sottili ed ultra sottili, ossidi di azoto, idrocarburi policiclici aromatici) con effetti potenzialmente pericolosi per la salute della popolazione esposta”

“In particolare concludono, occorre rispondere alle domande alla quali tutti hanno subito pensato: si è liberata diossina? L'ecomafia ha di nuovo vinto a danno della popolazione?” (TUTTO SUL VASTO INCENDIO)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento