rotate-mobile
Domenica, 29 Maggio 2022
Cronaca Manfredonia

Incendiato e distrutto. I titolari dell'Ultima spiaggia non mollano: "Non ci potranno impedire di riaprire"

L'incendio risale al 23 gennaio. La solidarietà e la vicinanza dei balneari di Siponto e Manfredonia. I titolari del lido di Siponto non mollano. indagano le forze dell'ordine

“L'ultima spiaggia siete voi e non ci potranno impedire di riaprire. Qualche ritocco qua e là ci vorrà, ma riapriremo” parola dei proprietari dell’Ultima spiaggia di Siponto di viale dei Pini. “Mai avremmo voluto pubblicare questa foto. Grazie a tutti gli amici e clienti che ci hanno mostrato vicinanza. Ringraziamo anche le forze dell'ordine , le forze politiche e quei rappresentanti delle istituzioni che hanno voluto darci solidarietà. A presto!”

Domenica 23 gennaio il bar del lido frequentato durante l'estate da molti foggiani, è stato distrutto da un incendio di matrice dolosa. Le fiamme hanno avvolto la struttura, completamente distrutta e rasa al suolo. Sono in corso le indagini delle forze dell'ordine. Sul posto anche i vigili del fuoco. Sconcertati gli avventori dello stabilimento balneare, tra i più apprezzati e frequentati della riviera sipontina. Decine e decine i messaggi sui social, di sconcerto per il grave episodio. "Tornerete più forte di prima". L'episodio fa il paio con l'incendio avvenuto, sempre ieri domenica 23 gennaio a Foggia, dove un chiosco di fiori è stato avvolto e distrutto dalle fiamme nei pressi del cimitero comunale (leggi qui).

Giuseppe La Torre, titolare del Capolinea Beach, a nome dell'associazione 'I balneari di Siponto' e dei balneari di Manfredonia, esprime solidarietà e vicinanza: "Qualora il dolo fosse accertato, condanniamo fermamente il vile gesto, rifiutando con forza ogni forma di atteggiamento illegale e violento, terreno fertile su cui prolificano complicità, connivenze e omertà. L’episodio rappresenta un duro colpo per la nostra comunità, ancora una volta dei cittadini onesti vengono colpiti con vili azioni delittuose. Con questa nota chiediamo una presenza sempre più attiva delle forze dell’ordine e di tutte le istituzioni nel nostro territorio, che possano arginare qualsiasi atto di  intimidazione e di violenza e ristabilire sicurezza e legalità nella comunità tutta".

I balneari evidenziano anche la necessità di scardinare la clausola di stagionalità per il mantenimento delle strutture balneari e di rivedere la prescrizione di smontaggio imposta dalla soprintendenza e posta in essere dai comuni costieri, in modo tale da poter prevedere una vigilanza privata per il controllo e per la tutela delle nostre attività. "Nell’auspicare una pronta conclusione delle indagini sul grave episodio, auguriamo ai colleghi di non arretrare di un passo, di non abbattersi in questo difficile momento e di andare avanti sempre a testa alta, guardando al futuro con ottimismo".

Così Paolo Campo, presidente della V Commissione Ambiente del Consiglio regionale: "L’incendio delle strutture del lido Ultima Spiaggia è un’intimidazione, grave ed eclatante, tanto agli imprenditori che hanno investito lavoro e denaro in quell’attività che all’intero comparto della balneazione compiuta da chi, evidentemente, vuole lucrare parassitariamente sul lavoro di decine di imprese. Ad inquietare è la precisa volontà di distruggere un bene divenuto punto di riferimento anche di attività ricreative e culturali d’interesse sociale, un luogo di aggregazione finalizzato alla valorizzazione di Siponto e di uno dei tratti costieri più belli della Puglia settentrionale. Ho fiducia nello Stato e nelle sue istituzioni, per cui sono certo che capacità e risorse investigative saranno investite nella ricerca e la neutralizzazione dei responsabili, eppure avverto il dovere di lanciare un allarme più generale e ampio. Anche ricordando quanto successo a Vieste qualche anno fa e sollecitando le istituzioni locali, le organizzazioni politiche e civiche, i cittadini in qualunque forma associata ad essere presenti al fianco delle vittime come ad impegnarsi nell’affermazione della legalità e nel contrasto all’inquinamento criminale".

incendio chiosco ultima spiaggia siponto-2

Aggiornato alle 16.33 del 25 gennaio 2021

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendiato e distrutto. I titolari dell'Ultima spiaggia non mollano: "Non ci potranno impedire di riaprire"

FoggiaToday è in caricamento