rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Cronaca Peschici / Via Cavour

Incendio a Peschici: a fuoco l'Opel Frontera di un dipendente Ufficio Tributi del Comune

Sull'accaduto indagano i carabinieri. Secondo alcune indiscrezioni, non sarebbe la prima volta che l'uomo resti vittima di tali episodi; circostanza che spinge gli inquirenti a indagare anche nella sua vita privata

E' quasi certamente di natura dolosa, l'incendio auto avvenuto ieri sera, a Peschici. Il fatto è successo poco dopo le 21, all'interno di un fondo agricolo alla periferia del paese: a bruciare, la Opel Frontera di proprietà di un dipendente del Comune di Peschici, impiegato all'ufficio Tributi. Il mezzo, a quanto si è appreso, non era utilizzato da tempo, se non all'interno della proprietà.

 Le fiamme hanno completamente avvolto e distrutto il mezzo. Necessario l'intervento di una squadra dei vigili del fuoco dal distaccamento di Vico del Gargano che ha bonificato e messo in sicurezza la zona.  Gli uomini del 115 non hanno trovato tracce di carburante o altri inneschi, benchè non sembrano esserci dubbi sulla natura del rogo. Sull'accaduto sono in corso le indagini dei carabinieri. La zona non è servita da telecamere per la videosorveglianza. Secondo alcune indiscrezioni, non sarebbe la prima volta che l'uomo resti vittima di tali episodi; circostanza che spinge gli inquirenti a indagare anche nella sua vita privata.

Questo il commento del segretario regionale della Lega, Andrea Caroppo: "A nome mio e dell’intero partito, di tutti i suoi quadri e militanti della Provincia di Foggia, esprimo sincera vicinanza a Luigi Forte, dirigente del Comune di Peschici, per il vile attentato incendiario subito. La nostra solidarietà non è di circostanza ma vuole assumere un significato politico oltre che umano: l’intera comunità rifiuta apertamente questi atti intimidatori, qualunque pseudo ragione o finalità criminale essi abbiano"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio a Peschici: a fuoco l'Opel Frontera di un dipendente Ufficio Tributi del Comune

FoggiaToday è in caricamento