Spaventoso incendio ad Apricena: distrutto capannone di ortofrutta e conserve

Il rogo in località Posta Monaca, tra San Marco in Lamis ed Apricena. l’indebolimento della struttura, della società Castelpagano Srl, del gruppo Bianchi, ha richiesto verifiche statiche per il rischio crollo di una parte di tetto

Il capannone distrutto

Un incendio di vaste proporzioni ha devastato un capannone per lo stoccaggio di prodotti ortofrutticoli e conserve lungo la strada che collega Apricena a San Marco in Lamis. Distrutto dalle fiamme il magazzino, che - dalle prime informazioni raccolte - farebbe capo alla società agricola Castelpagano Srl, del gruppo Bianchi, colosso agroalimentare, ortofrutticolo e lapideo di Apricena.

Il rogo è avvenuto in località Posta Monaca: l’incendio è divampato poco dopo l’1.30 della scorsa notte e in breve tempo ha avvolto e incenerito il capannone e tutto ciò che era contenuto in esso (due muletti e centinaia di cassette vuote). L’indebolimento della struttura ha provocato anche il pericolo di crollo di una parte di tetto in lamiera e per questo saranno necessarie verifiche statiche.

Il rogo ha interessato una superficie di circa 700 metri quadri e i danni provocati sono ingenti, sebbene non ancora compiutamente calcolati. Sull’accaduto sono in corso le indagini dei carabinieri della stazione di Apricena e della compagnia di San Severo. Sul posto non sono presenti telecamere o sistemi per la videosorveglianza e non sono state trovate tracce di liquido infiammabile, inneschi o simili che possano far pensare ad avvenimento di matrice dolosa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da ieri sera, in tutta la zona dell’alto Tavoliere si registrano continui e violenti sbalzi di tensione causati dal maltempo: non si esclude, al momento, che a provocare l’incendio sia stato un cortocircuito. Per tutta la notte hanno operato i vigili del fuoco del distaccamento di San Severo e del comando di Foggia: gli uomini del 115 hanno circoscritto e spento le fiamme e messo in sicurezza la zona, mentre sono ancora in corso le operazioni di bonifica del sito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Conte firma il nuovo Dpcm: locali chiusi a mezzanotte, feste in casa massimo in sei e quarantena da 14 a 10 giorni

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento