"Lo Stato è a Foggia". Ecco la nuova caserma dei vigili del fuoco presidio di legalità: “Basta rapporti incestuosi con la criminalità”

Il comandante Luigi Diaferio: "Si conclude un sogno iniziato a fine anni 90”. Annunciate due importanti novità: la destinazione di 19 nuovi mezzi per i vigili del fuoco della Puglia e lo stanziamento dei fondi per completare la sede di via Napoli

Ha avuto una gestazione lunghissima, oltre 20 anni; ma alla fine la sede centrale del Comando dei vigili del fuoco di Foggia è venuta alla luce. Parzialmente operativa già da alcuni mesi, questa mattina la sede del 115 di via Napoli, è stata tenuta a battesimo, alla presenza - tra gli altri - del Sottosegretario del Ministero dell’Interno con delega ai vigili del fuoco, On. Carlo Sibilia.

“Si conclude un sogno iniziato a fine anni 90”, spiega in premessa il comandante Luigi Diaferio. “Ora si apre un capitolo nuovo per la Capitanata, con quest’opera che, seppure da completare in alcuni aspetti, andrà degnamente a rappresentare il sudore dei nostri uomini per il territorio di Foggia”.

Sul punto arrivano prontamente le rassicurazioni di Fabio Dattilo, capo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco: “Gli stanziamenti per completare la sede sono già programmati e presto potremo ultimare la sala operativa, dotandola delle migliori tecnologie a servizio della sicurezza del territorio. Oggi è un giorno di festa”, conclude. “20 anni sono davvero troppi per raggiungere un obiettivo, ma quello che oggi conta è esserci arrivati”.

Dello stesso avviso è Laura Lega, capo del Dipartimento dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile: “La nuova sede è finalmente realtà e garantisce agli uomini del 115 di lavorare in sicurezza e con modalità dignitose. Soprattutto è una realizzazione di un nuovo presidio di legalità, e questo territorio ne ha bisogno”.

Ed è proprio sulla necessità di legalità, sulla ritrovata fiducia nelle istituzioni dello Stato che punta il sottosegretario Sibilia: “Fuori di retorica, quello di oggi è un momento fondamentale, di passaggio funzionale. Il Corpo dei vigili del fuoco detiene l’87.7% della fiducia degli italiani ed è da questa fiducia che bisogna ripartire. Presto verranno destinati 19 nuovi mezzi per i vigili del fuoco della Puglia. Ci attendono nuove sfide che dobbiamo saper cogliere, senza pensare di poter far trascorre altri 20 anni”, continua.

“Questo è un momento molto importante per il territorio. Conosciamo le difficoltà della provincia, come gli scioglimenti di comuni per infiltrazioni mafiose e la stessa commissione di accesso al Comune di Foggia”, spiega. “Il tessuto cittadino deve abbandonare il rapporto incestuoso con la criminalità organizzata. E’ una chiamata al buonsenso dei cittadini e ai foggiani di buona volontà. Dobbiamo allontanarci con tutte le nostre forze dalla criminalità. Foggia è un problema, ha bisogno dello Stato. E lo Stato oggi è a Foggia”.

LA NUOVA CASERMA | L’area sul quale si estende il nuovo compendio è di circa mq. 38.000, è ubicata in margine alla Statale 90 Foggia-Napoli, a circa 800 m dalla Statale 16. Il compendio si compone di due corpi di fabbrica: l’edifico principale destinato ad uffici, camerate, servizi logistici e alloggio di servizio del Comandante, e l’edificio retrostante destinato ad autorimessa e ‘castello di manovra’. Oltre a tali corpi di fabbrica vi è un piccolo manufatto destinato a centrali tecnologiche.

La conformazione architettonica del fabbricato principale è organizzata a ferro di cavallo con il corpo centrale a tre piani fuori terra e le due ali laterali a due piani fuori terra. L’autorimessa è costituita da un volume a forma rettangolare, ad un solo piano fuori terra, e copertura piana. Al centro del corpo autorimessa vi è ‘il castello di manovra’, a pianta rettangolare, con cinque piani fuori terra. Nell’area, completamente recintata, è stata prevista la sistemazione di spazi a verde, spazi pavimentati per la viabilità e per il parcheggio di autovetture; un’area è stata destinata all’impianto di distribuzione carburante e in prossimità di questa vi è lo spazio per il lavaggio degli automezzi.

Le aree residue la cui realizzazione non era prevista dal progetto finanziato dovrebbero essere destinate alla creazione di un area esercitativa e di un eliporto. Il compendio ospita il personale tecnico, operativo ed amministrativo del Comando di Foggia.

Rispetto alla vecchia sede centrale, in Piazza Fraticelli, nata negli anni settanta, oltre agli ovvii requisiti di sicurezza sismica che la nuova sede garantisce e all’impiantistica di nuova realizzazione, oltre al maggior spazio dedicato al settore operativo, in particolare alle autorimesse, è stato possibile soddisfare ad esigenze logistiche e gestionali a cui finora non era stato possibile adempiere, adibendo numerosi ambienti a Laboratori per i nuclei operativi specialistici (SAF (Speleo-alpino-fluviali) – NBCR (Nucleare,biologico,chimico e radiometrico) – ARA (laboratorio autoprotettori) – TLC (telecomunicazioni radio) – SA (soccorritori acquatici), prevedendo e realizzando, inoltre, una funzionale Sala Crisi al  secondo piano, creando spazi per sale riunioni, una aula formazione con 50 posti ed un’aula multimediale attrezzata con 12 postazioni, una zona mensa conforme ai dettati del DL 81/08.

L’area esterna, ancora in fase di completamento, ma resa tutta funzionale e praticabile, è stata arredata con la piantumazione nelle aiuole di essenze locali seguendo le linee di indirizzo del progetto di base, creando una isola per il monumento ai caduti ed una per il posizionamento dei pennoni portabandiera.

Si parla di

Video popolari

"Lo Stato è a Foggia". Ecco la nuova caserma dei vigili del fuoco presidio di legalità: “Basta rapporti incestuosi con la criminalità”

FoggiaToday è in caricamento