Maltrattamenti a minori: domiciliari e obblighi di dimora a educatrici di Rodi

Le dichiarazioni rese dai minori dimostrano l'abitualità di comportamenti di maltrattamento ai danni degli ospiti de "Il Melograno" per mano delle tre educatrici della cooperativa Sociale Nemesi di Rodi Garganico

Sulla vicenda della comunità “Il Melograno” di Rodi Garganico, il Collegio ha disposto la misura degli arresti domiciliari a carico di  S.A. (legale rappresentante della Coop. Sociale Nemesi) e la misura dell’obbligo di dimora per T.A.M. ed S.A.

IL CASO - Circa un anno fa la responsabile di anni 58, la coordinatrice di 41 e l’educatrice 32enne furono sottoposte agli arresti domiciliari o all’obbligo di dimora poichè ritenute responsabili, in concorso tra loro, dei reati di maltrattamento dei minori affidati alle loro cure, di sequestro di persona, di lesioni aggravate da motivi futili, crudeli ed abietti.

LA DENUNCIA - L’attività investigativa traeva il suo incipit da un esposto anonimo inviato al Procuratore Capo di Lucera che riferiva di maltrattamenti subiti dai minori, di età compresa tra i 4 e i 7 anni, presso la comunità “il Melograno” ad opera delle tre donne.

Gli immediati accertamenti permettevano di acclarare la veridicità della segnalazione, ragion per cui vennero subito assunte informazioni dalle persone ritenute informate dei fatti.

LE TESTIMONIANZE - I minori venivano escussi a sommarie informazioni presso la scuola elementare da loro frequentata confermando la tesi avanzata dalla segnalazione anonima. Gli stessi confermavano le percosse, le umilianti punizioni e le pesanti ingiurie subite (pu....., ricchione, pezzo di m....., tu puzzi, scemo cretino, ecc…). Si registra anche un episodio in cui una bambina venne fatta girare nuda tra i ragazzi mentre piangeva.

Durante l’audizione effettuata alla presenza del pubblico ministero della Procura di Lucera ed del Giudice del tribunale per i minorenni di Bari, i bambini manifestavano terrore e, piangendo, supplicavano di non riferire nulla alla direttrice, altrimenti avrebbero subito ulteriori percosse. Le misure cautelari venivano emesse dal G.I.P., presso il Tribunale di Lucera.

LA DECISIONE DEL G.I.P. - Successivamente il G.I.P  revocava le misure cautelari  riqualificando le condotte delle indagate nel reato di eccesso dei mezzi di correzione in quanto aveva appurato che seppure i minori, di fatto, non si trovavano bene nella struttura “Il Melograno”, tuttavia, a riguardo, si poteva ipotizzare il reato meno grave dell’abuso dei mezzi di correzione.

L’APPELLO - Avverso questa ordinanza in data 11.08.2011 il P.M. sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Lucera, titolare delle indagini, proponeva appello.

Il Tribunale di Bari – Sezione Riesame, a giugno ha accolto parzialmente l’appello proposto dal Pubblico Ministero.

Il Collegio ha evidenziato che, nonostante alcune dichiarazioni discordanti e qualche discrasia nella ricostruzione dei fatti, sostanzialmente le dichiarazioni rese dai minori dimostrano l’abitualità di comportamenti di maltrattamento ai danni degli ospiti della comunità per mano delle tre educatrici.

Per il Collegio, infatti, la vicenda in questione non appare compatibile con il reato di abuso dei mezzi di correzione, considerato che i mezzi “educativi” adoperati, quali percosse e maltrattamenti fisici e psicologici, sono oggettivamente incompatibili con l’attività educativa.

Inoltre, il Tribunale osserva che persiste il pericolo di reiterazione di reati della stessa indole, e ciò in considerazione della circostanza che le condotte perpetrate dalle indagate a carico delle parti offese, sono caratterizzate dalla continuità e durata nel tempo, da una particolare odiosità in considerazione del fatto che le parti offese sono generalmente provenienti da famiglie problematiche e con alle spalle storie traumatiche.

In aggiunta, ancora, il tribunale evidenzia che, nonostante “Il Melograno” sia attualmente chiuso, le indagate risultano essere comunque operanti all’interno della coop. Sociale Nemesi che svolge attività del tutto assimilabili a quelle esperite dalla comunità.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento