menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I corpi deceduti

I corpi deceduti

Identificate le 12 vittime, alla guida il presunto caporale: la Regione si accollerà le spese del rimpatrio delle salme

Alcune vittime lavoravano in un'azienda del Molise. Due i filoni d'indagine aperti, quello sull'incidente stradale e quello sul caporalato. L'incidente stradale sulla Statale 16 in agro di Lesina

Le dodici vittime del terribile incidente stradale avvenuto sulla Statale 16 allo svincolo per Ripalta in agro di Lesina, sono state tutte identificate, grazie ai documenti e per alcuni di loro attraverso le impronte digitali.

Alla guida del furgone che trasportava i braccianti agricoi c’era il presunto caporale, un uomo di origini marocchine nelle cui tasche è stato trovato anche del denaro che sarebbe riconducibile alle condizioni di sfruttamento. A riferire il ruolo rivestito dall’uomo sono stati, dal letto dell’ospedale, i due sopravvissuti. Sembrerebbe inoltre – così come scrive l’Ansa – che alcuni braccianti lavorassero per un’azienda del Molise, che sarebbe stata già sottoposta a controlli.

Sempre secondo quanto riporta l’Ansa, sarebbero due le inchieste aperte dalla Procura di Foggia: quella sulla dinamica dell'incidente, per cui è indagato anche Rocco Abate, l'autista del tir per il quale sembra si possano però escludere responsabilità dirette dell’accaduto. Secondo il suo racconto non sarebbe stato possibile evitare lo scontro frontale, dal momento in cui il furgone con a bordo 14 persone avrebbe invaso la corsia opposta per parecchi secondi. Sarebbero stati quindi inutili tutti i tentativi messi in atto dal conducente per evitare la tragedia. Intanto è stato sequestrato il cronotachigrafo, il dispositivo che stabilirà l’esatta andatura del mezzo e farà ancor più luce sulla dinamica del sinstro.

Non ci sarebbero invece indagati sulla seconda inchiesta relativa al filone del caporalato. Intanto la Regione Puglia, così come confermato da Michele Emiliano, sta organizzando un saluto alle vittime prima del rimpatrio, che avverrà a spese della Regione

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'impianto di compostaggio di San Severo si farà: ha vinto Saitef, il Consiglio di Stato certifica il 'pasticcio' del Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento