rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Cronaca Manfredonia

Sequestrati 48mila euro di prodotti ittici: 25 illeciti amministrativi, 8 violazioni penali

E’ il risultato delle operazioni condotte dagli uomini della Guardia Costiera di Manfredonia, al 4 dicembre al 19 gennaio, per tutelare i consumatori

Gli uomini della Guardia Costiera di Manfredonia (congiuntamente al servizio veterinario dell’ASL Foggia e agli altri corpi/amministrazioni) – diretti dal comandante Marcello Luigi Notaro - hanno sequestrato tre tonnellate e mezzo di prodotti ittici per un valore commerciale stimato intorno ai 48mila euro, in quanto sono risultati privi dei requisiti di tracciabilità e commercializzati in assenza dei requisiti minimi igienico-sanitari.  

L’operazione è stata portata a termine nell’ambito della più ampia, su scala nazionale, denominata ‘Labyrinth’ finalizzata a garantire, nell’imminenza e immediatamente dopo le festività natalizie, la tutela del consumatore finale attenzionando in particolar modo la tracciabilità (etichettatura e rintracciabilità) dei prodotti commercializzati all’ingrosso e al dettaglio a Manfredonia e in provincia di Foggia.

Nel complesso, gli illeciti amministrativi accertati sono stati 25 e otto violazioni penali. Tra i casi più frequenti la vendita di prodotti ittici privi di regolare etichettatura, le violazioni delle norme sulla rintracciabilità e detenzione di attrezzi non consentiti. Oltre 41mila euro l’importo delle sanzioni amministrative pecuniarie comminate. Le attività operative, iniziate il 4 dicembre scorso e terminate il 19 gennaio, hanno riguardato soprattutto il controllo delle piattaforme logistiche di distribuzione e delle merci d’importazione per via marittima, al fine di prevenire “alla fonte” l’immissione nel circuito commerciale di alimenti non sicuri.

Un’attenzione particolare è stata riservata al fenomeno dei venditori abusivi presenti lungo le arterie cittadine e alla detenzione di prodotto ittico non rintracciabile, soprattutto nei centri di distribuzione all’interno della zona nord garganica. Sono state accertate inoltre violazioni in materia CITES sulla tutela delle anguille con relativo sequestro di 500 kg di questa specie; e un ingente quantitativo di bianchetto (novellame di sarda), sequestrato presso un commerciante locale.

All’Autorità Giudiziaria è stato deferito, per violazione dell’art. 650 C.P., il conducente di un mezzo di trasposto che non si è fermato all’alt intimato dal personale dipendente ed identificato a seguito di accurate indagini seguite alla rilevazione della targa del veicolo. Le attività di controllo – fanno sapere dalla Capitaneria di Porto - proseguiranno anche nei prossimi giorni allo scopo di garantire che, a tutela del fondamentale diritto alla salute, sulle tavole dei consumatori, non solo pugliesi, giungano prodotti della pesca tracciati e sicuri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrati 48mila euro di prodotti ittici: 25 illeciti amministrativi, 8 violazioni penali

FoggiaToday è in caricamento