rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Cronaca Manfredonia

La stessa firma su tre omicidi per i debiti contratti con le vittime

Giuseppe Rendina, reo confesso del duplice omicidio di Gerardo e Davide Pasquale Cirillo, è accusato di aver assassinato anche l'agricoltore 59enne Giuseppe Ciociola

I figli di Giuseppe Ciociola, l'agricoltore 59enne ucciso nelle campagne di Zapponeta nel marzo 2022, tramite il loro legale di fiducia, l'avvocato Francesco Le Noci, nell'apprendere la notizia dell'avvenuto arresto del 45enne di Trinitapoli Giuseppe Rendina, presunto assassino del padre, hanno espresso un ringraziamento sincero e la massima gratitudine alle Forze dell'ordine e alla Procura di Foggia, per aver fatto luce sulla vicenda (tutti i dettagli).

Il delitto fa il paio con il duplice omicidio di Gerardo e Pasquale Davide Cirillo, padre e figlio cerignolani di 58 e 27 anni, giustiziati e chiusi in sacchi neri di plastica sempre da Rendina, per questo delitto reo confesso. L'uomo avrebbe confessato che aveva contratto un debito di 20mila euro e che avrebbe saldato il debito di volta in volta lavorando per i Cirillo, che tuttavia, ad un certo punto avrebbero preteso il saldo del debito entro 24 ore. 

 "Una sola mano che si sarebbe macchiata dell'omicidio di tre diverse persone, è una notizia che desta sofferenza e immensa angoscia". Accomunati dallo stesso dolore, i figli di Giuseppe Ciociola abbracciano i familiari dei Cirillo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La stessa firma su tre omicidi per i debiti contratti con le vittime

FoggiaToday è in caricamento