Arrestato promotore finanziario di San Severo, truffa 5 milioni a risparmiatori

Anche Striscia La Notizia si era occupata della vicenda. Il complice di Tarollo Giuseppe Antonio si spacciava per dirigente bancario, mentre lui sul suo sito utilizzava abusivamente i loghi aziendali della banca

La Guardia di Finanza di Foggia ha eseguito due ordinanze di custodia cautelare - una in carcere ed una agli arresti domiciliari nei confronti di un promotore finanziario, tale Tarollo Giuseppe Antonio di anni 41 e un suo complice, L.M.M. di anni 43, per una truffa perpetrata a danno di ignari risparmiatori.

La vicenda è stata persino oggetto di due servizi andati in onda su Striscia La Notizia il 30 settembre e il 14 ottobre del 2011.

VIDEO 1 e VIDEO 2

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica del capoluogos dauno e condotte dai finanzieri della compagnia di San Severo hanno svelato un sistema truffaldino posto in essere dal promotore finanziario sanseverese – iscritto all’albo di categoria e già collaboratore presso un istituto bancario pugliese - e dal complice.

In particolare, dalla ricostruzione delle movimentazioni bancarie, è emerso che il fenomeno - allo stato delle indagini – riguarderebbe circa un centinaio di persone truffate per una somma complessiva che supererebbe i 5 milioni di euro.

Ai risparmiatori venivano prospettati facili guadagni per indurli a versare ingenti somme di danaro per la sottoscrizione di investimenti finanziari - con capitale garantito ed elevati tassi di rendimento (cedole semestrali fino all’inverosimile 20%) - per conto dell’istituto bancario, dove tali operazioni non hanno trovato alcun riscontro.

Le vittime della truffa venivano rassicurate dell’effettuazione e dell’investimento finanziario dal complice del promotore che si spacciava per dirigente dell’istituto bancario con documentazione apparentemente rilasciata dal medesimo istituto e con mail che ne riportavano indebitamente gli elementi identificativi.

Inoltre, il promotore finanziario, utilizzando abusivamente i loghi aziendali della banca, aveva realizzato un suo sito web al quale avevano accesso i clienti per seguire l’andamento dei titoli sottoscritti, simulandone il portafoglio di investimento.

I due arrestati ed una terza persona sono stati denunciati, a vario titolo, oltre che per abusivismo finanziario (art. 166 d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 -t.u.f), per i reati di truffa, ricettazione, contraffazione di segni distintivi (art. 473 c.p.) e sostituzione di persona.

COME DIFENDERSI DA UNA TRUFFA

Si coglie l'occasione per informare tutti coloro che si accingono ad effettuare investimenti con un promotore o con altri operatori finanziari in generale, dell'esistenza di alcune regole che la legge prevede ai fini della loro tutela: prima di iniziare un rapporto di gestione dei risparmi, l'operatore finanziario è obbligato a compilare un prospetto informativo (mifid) dal quale risulta il profilo di rischio dell'investitore.

Il prospetto è costituito da un questionario nel quale il cliente dichiara tra l'altro, la propria esperienza in materia di investimenti finanziari e la sua propensione al rischio. E' importante:

Ø  Leggere bene il questionario prima della sua sottoscrizione ed è bene conoscere tutti gli aspetti legati all'operazione finanziaria che si intende sottoscrivere;

Ø  Diffidare delle promesse di rendimenti troppo elevati;

Ø  Sapere che il promotore non può e non deve mai ricevere denaro contante dal cliente; il promotore può ricevere dal cliente solo assegni bancari o circolari - non trasferibili -, intestati all'operatore per il quale opera (es, banca xx). Se vi chiede di lasciare in bianco il beneficiario dell'assegno o se vi dice di intestarglielo perché provvederà poi lui a versarlo per conto vostro, sta commettendo un'irregolarità.

Per qualunque anomalia riscontrata i cittadini possono contattare il numero di pubblica utilità "117" della guardia di finanza.

Atteso che risultano operazioni bancarie effettuate in ambiti territoriali di diverse regioni – soprattutto puglia, abruzzo e molise - le persone che hanno consegnato somme di denaro direttamente al tarollo per investimenti finanziari, per i quali si ritiene che sussistano sospetti sulla loro effettività, possono contattare la guardia di finanza di san severo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Coronavirus, altri 13 morti in Puglia: i nuovi contagi sono 772

  • Attimi di terrore sulla A16: conflitto a fuoco tra polizia e ladri all'altezza di Candela

  • Coronavirus, l'infezione circola in 53 comuni foggiani: salgono a otto le 'zone rosse'. Covid-free nove comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento