Rapina alle Poste, la candidata Colucci: "Cerignola è una città sana: dimostriamolo"

La riflessione della candidata sindaco di centrodestra: "La fiaccolata di pochi giorni fa ha dimostrato che la partecipazione attiva non è nelle corde della città. Ecco perché spetta a noi farci carico del suo riscatto"

FOTO di R. D'AGOSTINO

Giuliana Colucci non ha dubbi: Cerignola è al punto di svolta, al punto di non ritorno. “La rapina di questa mattina all’ufficio postale di via Napoli è l’ennesima dimostrazione di quanto sia ormai irrinunciabile la necessità di impegnarsi tutti insieme per costruire un futuro migliore per la nostra città”. È questa la riflessione del candidato sindaco di centrodestra, Giuliana Colucci, che spiega: “Ho scelto di candidarmi per questo, per offrire un contributo affinché Cerignola possa avere una speranza di legalità”.

“So bene che non ci sono ricette e soluzioni predefinite su questo tema, ecco perché invito tutti gli altri candidati sindaco, insieme ai candidati al consiglio che li accompagnano, a convergere non solo sulla scontata condanna di ogni forma di violenza e delinquenza, ma anche sulla convinzione che su questo tema non possono e non devono esserci divisioni e polemiche strumentali. Men che meno in campagna elettorale. Io sono certa che Cerignola è una città per la sua stragrande maggioranza sana. È una città piena di risorse buone e persone oneste”.

“Tuttavia, - prosegue Colucci – la fiaccolata di pochi giorni fa, organizzata da Confcommercio e da altre associazioni, ha dimostrato ancora una volta che la partecipazione attiva non è nelle corde della città. Ecco perché spetta a noi che abbiamo scelto un impegno in prima persona di farci carico dei sentimenti di sconforto e dei desideri di riscatto dei nostri concittadini. Unire le nostre forze di donne e di uomini impegnati a scegliere il governo della cosa pubblica comunale sul tema della legalità deve essere un dovere che non può trovare ostacoli nella contrapposizione elettorale. Lo dobbiamo alle cerignolane e ai cerignolani che ci guardano e aspettano dai noi certamente risposte, ma essenzialmente unità di intenti su un fronte che con certezza è il più duro da affrontare”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Coronavirus, altri 13 morti in Puglia: i nuovi contagi sono 772

  • Attimi di terrore sulla A16: conflitto a fuoco tra polizia e ladri all'altezza di Candela

  • Coronavirus, l'infezione circola in 53 comuni foggiani: salgono a otto le 'zone rosse'. Covid-free nove comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento