Cronaca

Un foggiano nella presidenza delle Acli, Carbone: “Motivo di orgoglio”

Antonio Russo ora ricopre un importante ruolo ai massimi vertici con la delega alla Legalità e alla Coesione territoriale

Il Consiglio nazionale delle Acli, riunitosi sabato 26 gennaio a Roma, ha scelto i nuovi vertici dell’associazione, alla presenza di circa 200 consiglieri nazionali, espressione delle Acli italiane ed estere. Tredicesimo presidente nazionale, è stato eletto, Gianni Bottalico, pugliese di nascita.

La nuova presidenza nazionale, invece, è composta da Stefano Tassinari, Paola Vacchina, Alfredo Cucciniello, Michele Consiglio, Emiliano Manfredonia, Paola Villa, Antonio Russo e Michele Mariotto, con il ruolo di segretario generale. Un altro straordinario traguardo per il foggiano Antonio Russo, già componente degli organi di  governo, che ora ricopre un importante ruolo ai massimi vertici con la delega alla Legalità e alla Coesione territoriale.

Per le Acli di Foggia, dichiara il presidente Fabio Carbone, è un risultato prestigioso che non si era mai verificato nei quasi settanta anni di storia associativa di questa provincia.

Credo - afferma ancora - che questa meritata affermazione sia soprattutto frutto dell’impegno e della passione con la quale Antonio Russo si è occupato di temi cruciali come le politiche sociali, l’immigrazione e la legalità.  Che un foggiano rappresenti oggi, nella massima assise dell’associazione, la Puglia e la Capitanata, è motivo di orgoglio, non solo per l'associazione, ma per Foggia e per pugliesi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un foggiano nella presidenza delle Acli, Carbone: “Motivo di orgoglio”

FoggiaToday è in caricamento