Le 150 coperte per gli immigrati del “Ghetto” di Rignano Scalo

Su iniziativa della Cisl e dell’Anolf, Il 26 gennaio avverrà la consegna delle coperte raccolte a favore degli immigrati residenti nel “Ghetto”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

anolf-2Saranno consegnate giovedì pomeriggio agli immigrati che vivono nel cosiddetto “Ghetto”, ubicato  tra le campagne di San Severo e Rignano Garganico, le coperte raccolte dall’iniziativa di solidarietà promossa dalla Cisl e dall’Anolf (Associazione Nazionale Oltre Le Frontiere) di Foggia.

Sono 150 le coperte raccolte sinora dall’associazione degli immigrati. L’iniziativa dell’Anolf è finalizzata ad alleviare i gravi disagi causati dalle rigide temperature invernali che sono, tra l’altro, destinate ad abbassarsi ulteriormente nei prossimi giorni, con possibili rischi per la salute delle centinaia di residenti nel “Ghetto”.

Ringrazio per la sensibilità ed il sostegno all’iniziativa ricevuto dalle categorie e dagli iscritti alla Cisl di Capitanata”, afferma il segretario generale della Cisl di Foggia, Emilio Di Conza.

Dopo questa prima consegna, la raccolta di coperte e indumenti invernali proseguirà presso i locali dell’Anolf di Foggia, ubicati in via Montegrappa 64/b, “con l’obiettivo – riferisce il presidente provinciale dell’Anolf, Diego de Mita - di organizzare un’ulteriore distribuzione a favore dei numerosi senza fissa dimora, presenti nel Comune di Foggia, in particolare nella zona della Stazione Ferroviaria, molti dei quali vivono in condizioni di estremo degrado”.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento