Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

VIDEO | Al ghetto dei bulgari arrivano le ruspe, che però si fermano: sgombero rimandato

 

Nulla di fatto questa mattina al ghetto dei bulgari. Le ruspe, pronte per le sgombero, si fermano ancor prima di cominciare e tutto viene rinviato a settembre. D'altronde, che si sarebbe trattato solo di un mero tentativo (neanche tanto pressante) era chiaro sin dalla vigilia. "Di fronte alle resistenze, si ferma tutto" la voce che circolava ieri tra le unità di polizia municipale deputate all'operazione. Anche perché il periodo scelto non è dei migliori, con la stagione del pomodoro in pieno svolgimento e il campo che ha raggiunto quota mille residenti, tra stanziali e stagionali. Ma tant'è. 


Una trentina le unità della municipale giunte sul posto questa mattina presso Masseria Fonte del Pesce dove, da vent'anni, insiste l'accampamento. Intorno, con l'ordine di intervenire solo in caso di disordini, Polizia, Carabinieri e Guarda di Finanza. Appesa all'ingresso del campo la seconda ordinanza notificata ai residenti, quella scritta dall'amministrazione comunale a penna e in una lingua che bulgaro non è. 


Le famiglie non hanno fatto trovare i bambini ed era prevedibile: mai  gli adulti avrebbero consentito che i figli fossero trasferiti nelle case di accoglienza, soluzione individuata dall'assessorato alle politiche sociali del comune che, per i minori, ha l'onere di uno sgombero protetto (per gli adulti i tentativi sarebbero anche stati esperiti nel tempo ma non ci sarebbero strutture, né pubbliche né private. Le porte sono chiuse ovunque). Alla fine si raggiunge una sorta di accordo: entro una settimana i minori dovranno lasciare il campo, gli adulti entro il 15 settembre, subito dopo la stagione di raccolta del pomodoro. Dovranno farlo volontariamente per evitare azioni di forza. 


Tutto rinviato dunque. E la sensazione è che la situazione resterà quella ancora per molto tempo. Salvo disgrazie ovviamente, come quella accaduta nel dicembre scorso dove perse la vita, tra le fiamme della sua roulotte, un ragazzo poco più che ventenne

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento