Ferragosto, killer dei gatti in azione: tre mici avvelenati in via Caggese

Mentre la città festeggiava in piazza, c'è chi ha "fatto la festa" a Romeo, Tigre e Menelao, tre gatti randagi amorevolmente accuditi, nel rispetto del vicinato, in via Romolo Caggese, a Foggia. La lettera di una animalista foggiana

Gattino avvelenato

Ferragosto 2015: mentre la città festeggia in piazza, con il ritorno a Foggia di Renzo Arbore, c’è chi ha “fatto la festa” a Romeo, Tigre e Menelao, tre gatti randagi amorevolmente accuditi, nel rispetto del vicinato, da Alessia La Salandra e dalla sua famiglia, in via Romolo Caggese, a Foggia. Romeo, Tigre e Menelao sono stati avvelenati nella notte di Ferragosto. In una lettera aperta inviata alla nostra redazione, lo sfogo di Alessandra e di quanti, come lei, amano e rispettano gli animali e soprattutto la vita.

“Chi conosce la mia famiglia sa quanto Amore abbiamo rispetto ai nostri randagi che con cura e devozione abbiamo sempre accudito ed amato. (Come me anche il signor Ernesto ed altri dal cuore buono). Non davano fastidio per niente quei gatti, appena sentivano il rumore della mia macchina e quella di mio padre ci correvano incontro perché sapevano bene che dietro al cofano dell'auto avevamo sempre dei croccantini di scorta per loro.

Qualche fusa fugace e qualche carezza colma di tenerezza e ritornavano a vivere per strada contro tutte le intemperie del tempo e le macchine che sfrecciavano senza mai farsi prendere. Ma non sono riusciti a difendersi dalla cattiveria umana. Nel nostro piccolo avevamo cura di loro, rispettando sempre e comunque anche il vicinato che ci rimproverava le ciotoline sotto gli alberi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Così con pazienza e rispetto gli davamo da mangiare e buttavamo il resto per la "pulizia" della strada. Poco importa della pulizia d'anima a queste bestie che stanotte li hanno avvelenati. Cosa interessa a loro se hanno ferito me e chi amava Romeo, Tigre e Menelao e tanti altri mici come loro. Non vi auguro il male, non è della mia indole, ma mi auguro con tutto il cuore che giustizia sia fatta! Spero di non incontrarvi mai perché io non vi accetterei come esseri umani! E ricordatevi bene che chi compie atti del genere non è capace di dare Amore nemmeno rispetto il suo prossimo"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, sette casi in Puglia: quattro nuovi contagiati nel Foggiano

  • Terribile incidente stradale a Cerignola: 21enne muore sul colpo, 'miracolati' altri due giovani

  • Intenso nubifragio su Foggia: allagamenti e black out in città, chiuso il sottopasso di via Scillitani

  • Il mare agitato tiene 'in ostaggio' 7 persone (tra cui 3 bambini): militare di Amendola si tuffa in acqua e le salva: "Ho temuto anch'io"

  • Covid19, la Puglia si prepara all'ondata di ottobre: "Ospedali potenziati, regole severissime: sarà una campagna militare"

  • Dal Lussemburgo alla Puglia per le ferie: 6 turisti positivi al Covid-19, erano partiti senza attendere i risultati del test

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento