menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

La polizia non dà scampo ai malintenzionati: tre beccati su un'auto rubata, uno con arnesi da scasso

L'intervento delle volanti in via Ascoli all'incrocio con il Salice Vecchio e in via Marchese De Rosa

Al fine di contrastare nel miglior modo possibile i reati contro il patrimonio nella città di Foggia ed in altri centri della provincia, il Questore ha disposto l’incremento dei servizi di prevenzione e di controllo del territorio sia mediante l’utilizzo di auto e moto con colori di istituto, sia con veicoli di serie con personale in borghese.

I tre a bordo di un'auto rubata

Nell’ambito di tali servizi, nel corso personale della Squadra Volante ha intercettato alla periferia della città, e precisamente in via Ascoli, all’incrocio con il Salice Vecchio, dove erano stati segnalati nei giorni scorsi movimenti di mezzi sospetti, un’autovettura Ford Ecosport risultata rubata a Bologna il 10 settembre scorso.

Dal veicolo, acceso e con fari spenti, scendevano tre individui di colore che si davano alla fuga, uno dei quali venva bloccato ed identificato per D. A., cl. 1997, gambiano,  beneficiario di protezione umanitaria; uno degli altri occupanti del veicolo è stato riconosciuto dagli operatori per D.F.B., cl. 95, nato in Etiopia ma cittadino italiano, atteso che all’interno del veicolo è stato rinvenuto anche un suo documento. Entrambi sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria per il reato di ricettazione in concorso, l’autovettura è stata sequestrata e sarà restituita al legittimo proprietario.

L'uomo fermato in via Marchese De Rosa

In un’altra distinta attività, sempre la Squadra Volante in Foggia alla via Marchese De Rosa ha sottoposto a controllo e successiva perquisizione L.G. M., cl. 56, con molteplici precedenti di Polizia per reati contro il patrimonio ed anche per reati associativi, il quale con il suo comportamento dava adito a sospetto anche per la presenza in loco di molteplici attività commerciali. All’interno dell’autovettura, infatti, venivano rinvenuti arnesi atti allo scasso per i quali il L.G. M. non ha saputo fornire una idonea motivazione. Il medesimo è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per possesso ingiustificato di strumenti da scasso. Si può ritenere che siano stati sventati dei furti nella zona con tali attività preventive.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La storia di Giuseppe Sciarra, regista foggiano vittima di bullismo omofobico quando era bambino: "Per i miei coetanei me lo meritavo"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento