Furto a Parcocittà, la preoccupazione dei gestori: "Questa realtà ha bisogno di un futuro. Non può tornare nel degrado e abbandono"

Il fatto è successo a cavallo di Ferragosto e reso noto solo oggi. In autunno è prevista la scadenza della concessione d’uso da parte del Comune all’Ats che ha gestito la struttura in questi anni e il futuro della realtà di via Rovelli resta una incognita

I danni causati

"Lavoriamo tutti i giorni per darvi un luogo accogliente e interessante, ma qualcuno prova a rovinarci i piani". C'è rabbia e amarezza nelle parole che compongono uno stringato post, pubblicato quest'oggi, sulla pagina di Parcocittà.

Poche parole scritte dopo settimane di riflessione, in seguito all'ultimo furto subìto (nei giorni a cavallo di Ferragosto) all'interno della struttura, il contenitore culturale che ha rivitalizzato l'area di Parco San Felice e i quartieri della zona. 

Nella foto a corredo sono evidenti i segni del passaggio dei ladri - una vetrata infranta, un finestrone divelto -  che, entrati da una finestra sul retro, hanno causato danni economici per il ripristino dei luoghi di certo più ingenti del bottino (pochi spiccioli, un quadro e altri oggetti di poco valore). "Queste sono le foto dell’ultimo furto subito", scrivono dalla realtà di via Rovelli.

"Un motivo in più per affermare che Parcocittà ha bisogno di certezza sul proprio futuro, affinché non sia restituito al degrado e all’abbandono com’era alcuni anni fa. Noi siamo pronti a fare ancora la nostra parte", concludono. In autunno, infatti, è prevista la scadenza della concessione d’uso da parte del Comune all’Ats che ha gestito e valorizzato la struttura in questi cinque anni.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul futuro della realtà foggiana, che ha ancora tanti progetti in corso (alcuni in partnership con l'Amministrazione comunale) e altri in cantiere, era stata lanciata, lo scorso luglio, una petizione sulla piattaforma Change.org alla quale hanno aderito oltre 3500 persone. L'Ats che ha strappato dal degrado quel 'pezzo' di città, rivitalizzandolo con numerosi progetti di inclusione sociale, vorrebbe proseguire la sua opera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento