Telecamere incastrano ladri di ostie: sono due ragazzini di 14 e 12 anni ma già noti alle forze dell'ordine

Monte Sant'Angelo. Prima di forzare il tabernacolo della Cappella dell'Ospedale civile, i due avevano tentato, invano, di ripulire le casse del CUP

Immagine di repertorio

Chiarito dai carabinieri l'ambito del furto sacrilego delle ostie consacrate commesso martedì nella sacrestia della cappella dell'ospedale civile di Monte Sant’Angelo. 

Nel tardo pomeriggio di ieri, un  sacerdote ha denunciato al locale Comando dell'Arma che ignoti nella serata precedente si erano introdotti nella cappella dell’ospedale di Monte Sant’ Angelo e, dopo aver forzato il tabernacolo, si erano impossessati di due teche contenenti le ostie consacrate.

Le immediate indagini condotte dai carabinieri della locale Stazione, anche attraverso la visione delle immagini registrate dalle telecamere di sorveglianza, hanno permesso di identificare gli autori del fatto in due minorenni, uno del 2004, purtroppo ormai noto alle Forze dell’Ordine per aver già commesso, nonostante la giovanissima età, diversi reati contro il patrimonio, ed uno addirittura del 2006, anche questo già conosciuto ai militari nonostante per Legge sia ancora da considerarsi non imputabile, ma sul cui conto non erano ancora state formalizzate segnalazioni all'Autorità Giudiziaria competente.

Gli accertamenti condotti hanno anche permesso di accertare che, sempre all’interno dell’ospedale, i due minori prima di impossessarsi delle ostie consacrate avevano inutilmente tentato di rubare il denaro contenuto nella cassa del C.U.P..

Il risultato delle indagini scongiura quindi più preoccupanti scenari. I minori sono stati segnalati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Bari e ai locali servizi sociali per i provvedimenti di competenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento