"Venite, stanno rubando in ospedale". Arriva la polizia, tre 16enni scappano ma vengono inseguiti e acciuffati

Tre ragazzi di 16 anni stavano tentando di scassinare i distributori automatici dell'ospedale di Manfredonia. Portati in commissariato dagli agenti con i genitori, sono stati denunciati

Foto di repertorio

Nel week-end scorso gli agenti della Polizia di Stato del Reparto Prevenzione Crimine e del commissariato di Manfredonia, nel corso di un servizio di prevenzione e controllo del territorio, intorno alle 22:30 sono intervenuti presso l'ospedale al cui interno era stata segnalata la presenza di tre persone all’interno del Pronto Soccorso che stavano forzando i distributori di bevande calde, all’altezza della gettoniera.

I poliziotti, mentre effettuavano la perlustrazione del perimetro esterno, hanno notato un giovane ermo davanti all’ingresso e altri due che alla vista degli uomini del 113, mentre stavano armeggiando davanti alle macchinette, si sono dati alla fuga.

Altri agenti giunti a bordo di un'altra pattuglia hanno notato i tre nascosti dietro ad una scalinata che cercavano di entrare nel sottoscala della struttura ospedaliera per sfuggire alla polizia. Venivano però raggiunti dai poliziotti e, una volta identificati, accompagnati presso gli uffici del locale Commissariato, dove alla presenza dei rispettivi genitori, venivano resi edotti di essere stati denunciati in stato di libertà, per il reato di tentato furto aggravato in concorso.

I ragazzi tutti dell’età di 16 anni, venivano pertanto deferiti alla competente Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Bari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento