Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca San Severo

Furto tombini, fenomeno riguarda anche San Severo. Ma ai ladri conviene?

L'arch. Stefano De Magistris: "In conclusione si può affermare che il furto dei "tombini" (chiusini) è un danno per la collettività e una beffa per i ladri, considerato l'esiguo guadagno"

Sembra proprio che il nuovo eldorado dei ladri metropolitani sia il “tombino” stradale. Il fenomeno di rubare tombini in ghisa ha colpito in diverse occasioni la città di San Severo mettendo a repentaglio l’incolumità dei cittadini nonché provocato disagi alla viabilità e danni economici alle casse erariali comunali. Il fenomeno è in espansione e coinvolge parecchie città italiane ed europee tra cui Roma, Caserta, Lecce, Palermo, Londra, ecc.

E’ bene precisare che l’elemento in ghisa oggetto del furto è il chiusino e non il tombino; infatti il chiusino è l’elemento di copertura della cavità funzionale (tombino) collocato lungo le strade cittadine. L’interesse dei ladri per il chiusino in ghisa deriva dalla quantità e dal suo notevole peso che tradotto, significa guadagnare qualche euro vendendolo sul mercato del riciclo clandestino.

Infatti la ghisa è una lega composta da ferro e carbonio facile da fondere. Ma a dispetto del notevole peso, il chiusino sul mercato nero del riciclo rende poco. Stando alle quotazioni attuali, la ghisa costa circa 500 euro a tonnellata, ma al mercato nero la quotazione è notevolmente più bassa. La vendita di un singolo tombino (peso dai 50 ai 70 chili) frutta in media 3-4 euro: occorre rubare circa trenta chiusini per guadagnare circa 100 euro.

Di contro, la fornitura e posa in opera di nuovo chiusino può arrivare a costare anche 300 euro circa. Visto il danno economico, le amministrazioni comunali corrono ai ripari con diverse soluzioni: saldature, sostituzione con nuovi chiusini incernierati, installazione di chiusini in materiale composito, in particolare il kinext. I compositi si distinguono dai metalli e dai materiali plastici in quanto si tratta della combinazione di elementi tra loro differenti per composizione o forma. Ciascun costituente mantiene la propria identità nel composto finale, senza dissolversi o fondersi completamente nell’altro.

Ampio è il campo d’impiego dei materiali compositi, soprattutto in quei settori della produzione dove è necessario soddisfare esigenze di basso peso ed elevate caratteristiche meccaniche. Ad esempio sono impiegati in ingegneria aeronautica sul Boeing 777, per la loro elevata resistenza alla fatica, alla corrosione e agli impatti, oppure in campo medico per costruire protesi artificiali grazie alla loro comprovata resistenza e leggerezza. In conclusione si può affermare che il furto dei “tombini” (chiusini) è un danno per la collettività e una beffa per i ladri considerato l’esiguo guadagno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furto tombini, fenomeno riguarda anche San Severo. Ma ai ladri conviene?

FoggiaToday è in caricamento