1 km di cavi rubati: ladri si spostano al centro, ma “nessuno ha visto niente”

Il vicesindaco di Foggia lancia il disperato appello: “Stanno entrando in città, bisogna che tutti ci aiutiamo per fermare questo fenomeno”

Cavi rubati

Hanno agito indisturbati nella notte, probabilmente dopo le 2.00. Questa volta a ridosso del centro cittadino, al rione Martucci. Per un furto di entità straordinaria: oltre un chilometro di cavi di rame asportati, danno stimato per le casse comunali: 10mila euro. A renderlo noto è il vicesindaco con delega ai Lavori Pubblici, Francesco D'Emilio, che, allertato, ha inviato sul posto una squadra comunale questa mattina, guidata dal tecnico Michele Gatta. "Almeno venti i pozzetti depredati - fa sapere il tecnico - ad agire è stata sicuramente una banda di 9-10 persone".

Ciò che preoccupa di più è il punto in cui questa volta è avvenuto il furto: nella città praticamente, a due passi dal centro. Una zona, peraltro, ad alta densità abitativa. "Poteva passare chiunque a quell'ora. Ed invece nessuno ha visto niente" continua sconfortato Gatta. A fargli eco il vicesindaco, raggiunto telefonicamente perché fuori città. Il suo è un appello accorato: "dopo aver depredato e razziato borgate e periferie, stanno entrando in città" avverte D'Emilio, "bisogna che tutti ci aiutiamo per fermare questo fenomeno".

L'appello è alle forze dell'ordine, affinché aumentino l'impegno anche rispetto al controllo e monitoraggio dei punti adibiti allo smistamento ed alla ricettazione, "ormai noti" dichiara il vicesindaco, ma anche ai cittadini, affinché alzino il livello di guardia: "Bisogna che ci segnalino qualsiasi movimento anomalo notato in prossimità dei pali della pubblica illuminazione" dice D'Emilio, "perché solitamente i ladri agiscono di giorno, quando non c'è tensione nei pali. E' allora che si preoccupano di aprire pozzetti e tagliare i cavi che poi asporteranno di notte. Possibile che nessuno veda niente? Arrivano con macchine furgonate, che possano nascondere la merce. Si tratta soprattutto di extracomunitari, ne è certo il vicesindaco, il business non si sarebbe ancora diffuso tra gli italiani.

"E meno male" aggiunge, sconfortato. Ad oggi sono state depredate praticamente tutte le borgate e le zone periferiche, più volte villaggio degli artigiani, Rione Martucci, via Sant'Alfonso de Liguori, via D'Aragona, via De Petra. "Prepariamoci a colpi sempre più centrali - avverte D'Emilio - i foggiani ci aiutino".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento