menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Conferenza stampa

Conferenza stampa

Furto agli Ospedali Riuniti nel reparto di emodialisi, arrestati cerignolani

Hanno "soffiato" il portafogli completo di bancomat e codice pin dalla borsa di una donna sottoposta a dialisi. Deferito il fratello gemello di uno degli arrestati che si sarebbe dovuto sottoporre a un ciclo di dialisi

Mani di velluto” nel reparto di emodialisi degli Ospedali Riuniti di Foggia. Gli agenti della sezione Volanti della questura di Foggia hanno arrestato, con l’accusa di furto continuato in concorso, due ragazzi di Cerignola: P.V. appena ventiduenne, e D.E.D., di 25 anni, ed hanno deferito in stato di libertà il fratello gemello di quest’ultimo.

Secondo la ricostruzione effettuata dagli agenti intervenuti sul posto, uno dei due gemelli doveva sottoporsi ad un ciclo di dialisi e si è recato in reparto insieme al fratello ed all’amico. Nella stessa stanza vi era anche una donna che doveva sottoporsi alla stessa terapia.

Durante la cura, la donna ha lasciato la borsa in stanza, senza controllo: il tempo necessario ai ragazzi per "soffiare" il portafogli alla malcapitata, contenente al suo interno 30 euro in contanti, più la carta bancomat completa di codice pin.

Annotata la sequenza numerica, i due accompagnatori hanno lasciato il reparto per effettuare due prelievi da 250 euro ciascuno dal conto corrente intestato alla donna. Dopo aver terminato la terapia, però, la donna ha ripreso la propria borsa e si è accorta del furto subito.

La stessa ha accusato i ragazzi presenti nella stanza, tornati a prendere il giovane degente, chiedendo la restituzione del maltolto. La reazione è stata piuttosto dura: inizialmente i ragazzi hanno provato a simulare la loro totale estraneità al fatto, ma poi hanno iniziato ad inveire contro la donna.

Sono scaturiti momenti di tensione al punto che un infermiere ha ritenuto opportuno allertare la polizia che, giunta sul posto, ha accertato l'illecito compiuto. Tutto il denaro prelevato - 500 euro in totale - è stato ritrovato nelle tasche dei due giovani e restituito, insieme alla carta bancomat, alla legittima proprietaria.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Pio e Amedeo non l'hanno presa bene: "Non fate finta di non capire quello che abbiamo detto". Selvaggia Lucarelli: "Studiate"

Attualità

Pio e Amedeo tacciati di "superficialità" dalla comunità ebraica. Battute sull'avarizia? "Si radica razzismo che favorisce fenomeni più gravi"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento